Il potere della Rabbia

La Rabbia, sempre più spesso ci accorgiamo di quanto la “classificazione” tra emozioni positive ed emozioni negative, che è appartenuta dalla notte dei tempi alla specie umana, oggi più che mai sia superata e non più presa in considerazione.

Le moderne ricerche anche sul piano medico e psicologico hanno mostrato la funzione determinante delle emozioni nel contesto di vita di ciascun essere vivente, aspetto che oggi più che mai sta assumendo una connotazione fondamentale, tanto che è ormai assodato quanto l’Emozione sia il grande motore che ci guida nelle decisioni e nelle azioni, più ancora dell’aspetto cognitivo e mentale. Potremmo quindi considerare l’emozione, in qualsiasi accezione, come un faro che illumina la via, che fornisce un contributo essenziale al nostro modo di essere, di porci nel mondo, di relazionarci con il mondo circostante.

Emozioni

Oggi più che mai è fondamentale comprendere quanto le emozioni siano fondamentali nella vita di ognuno di noi, qualsiasi forma o “etichetta” prenda, semplificando, non possiamo definire che sia “meglio” essere felici piuttosto che arrabbiati o tristi, tutto dipende dal momento che stiamo vivendo. Ci sono situazioni in cui la rabbia o la tristezza sono più adeguate della gioia, quindi non possiamo “alienarci” dal sentire. Le emozioni, secondo una prospettiva etologica (non dimentichiamoci che siamo animali, umani ma pur sempre animali), sono viste come un meccanismo che “salva la vita”. Provate a pensare ad una mamma leonessa che, proteggendo i cuccioli, si imbatte in predatori. La rabbia che proverà le permetterà di agire in maniera anche superiore rispetto alla sua forza in una situazione nella norma, permettendole più facilmente di difendere la prole. Ecco il punto: essere in grado di lasciarsi attraversare da ogni emozione che si vive è l’insegnamento migliore che possiamo prendere in considerazione, è salvifico ed è la chiave verso la realizzazione profonda del Sé.

Relazioni

Se esistono emozioni da cui è più semplice lasciarsi attraversare, altre sono ancora oggi considerate con un’accezione “negativa”, come se fosse meglio allontanarsi dal sentire in alcuni contesti. La rabbia è certamente tra le emozioni più contrastate. Provate a pensare a quando eravate bambini e sembrava esistere l’equazione “rabbia = non va bene”, come se già da piccoli non fossimo autorizzati a sentire la rabbia, viverla e manifestarla, che si traduce in un’inibizione dell’agito emotivo, come se venisse messo “un tappo” che non permette la libera espressione dell’emozione. Ovviamente siamo esseri sociali in un mondo di relazioni e non possiamo non considerare l’aspetto della libertà personale, che termina dove inizia quella dell’altra persona, quindi essere arrabbiati non può autorizzarci a ledere la libertà altrui, ma questo non significa che l’emozione “rabbia” vada messa a tacere, vada inibita.

Nuovi paradigmi

Desidero ribaltare il paradigma, il modo di vedere la rabbia, che va osservata come una tra le emozioni potenzialmente più produttive e trasformative. Sembra assurdo vista così, ma è la realtà. Insita nella rabbia c’è una forza creatrice che chiede di essere trasformata, come se diventassimo alchimisti, che dobbiamo sintetizzare questo “magma” interiore, questo vulcano che erutta nella pancia, in qualcosa di produttivo, utile, efficace. Il punto è questo: non possiamo inibire la rabbia, ma vivendola, ascoltandola e accogliendola in maniera incondizionata, possiamo fare in modo che essa diventi “costruttiva”, non “distruttiva”. Se dovessimo tradurre il concetto con una metafora, la rabbia non ha bisogno di “urlare a voi stessi” se realmente la ascoltate, le basta sussurrare per agire. Ecco che quindi, “stare nella rabbia” vi permette di non distruggere, ma di costruire, con un carico di energia maggiore rispetto a situazioni di quotidianità.

Pratica della trasformazione

Ma come si impara a “stare nella rabbia”? Come è possibile trasformare la rabbia in grinta ad agire, a compiere il primo passo nella direzione del Sogno, di ciò che desideriamo realmente, profondamente? Proviamo a scoprirlo in cinque semplici mosse, anzi, sei.

1. Riconosci l’innesco

Quando si vive un’emozione come la rabbia, spesso inneschiamo il “pilota automatico”, una sorta di reazione immediata e non pensata, senza andare a comprendere quale sia stato l’innesco. riconoscere quale sia stato il meccanismo è certamente importante per fare chiarezza dentro di sé, significa “arrabbiarsi consapevolmente”. come si fa? attraverso la scrittura costante di un diario emozionale. Ogni volta che vivi un’emozione in una situazione, prenditi il tempo per scriverlo, annotarlo, ferma il mondo intorno a te e imprimi su carta cosa ti è successo e come ti sei sentito. E’ un esercizio semplice e potente di consapevolezza.

2. Riconosci la manifestazione emotiva

Come reagisce il tuo corpo quando stai provando un’emozione? Cosa succede quando ti arrabbi? Quali meccanismi scattano nel corpo?Senti cambiamenti a livello di battito cardiaco o di tensione muscolare? La tua postura come si modifica? La voce e il suo tono si alterano? come si fa? Fermati e chiediti quale è il primo segnale corporeo che riesci a percepire.

3. Fai un passo (o due!) indietro

Nel momento in cui l’innesco automatico si attiva, passa circa un quarto di secondo prima che il corpo inizi a rispondere. Quello è il punto di trasformazione alchemica della rabbia. In questa fase si può decidere se agire la rabbia in maniera propositiva e costruttiva, oppure distruttiva, come si fa? Esercizi di centratura corporea, si può aspettare ad agire e fare dei bei respiri profondi, ad occhi chiusi, portando l’attenzione all’aria che entra e che esce dal corpo. Oppure soffermati su un oggetto che hai vicino e perditi nei dettagli. Questo serve per “decentrarsi dal Sé” e scegliere il modo più efficace di agire questa rabbia.

4. Cambia prospettiva

Osserva la situazione dall’esterno, in modo neutrale. E’ un’esperienza molto complessa ma altrettanto appagante e utile. come si fa? Immagina di essere seduto nella platea di un cinema. Osserva il film che passa sullo schermo, che può anche essere muto se preferisci, ma guarda la situazione come se non fossi coinvolto, non sei un attore del film, ma uno spettatore.

5. Occhi nuovi, manifestazione nuova

Manifestiamo la rabbia quasi sempre nello stesso modo perché non abbiamo esplorato le infinite possibilità di azione. come si fa? Spezza le abitudini. Prova a non reagire, ma ad agire in maniera opposta rispetto al solito, scoprirai aspetti di te che non avevi mai preso in considerazione.

6. Ri-caduta

ricadere nelle vecchie dinamiche significa avere la possibilità di maturare nuove esperienze. Osserva ogni ricaduta come una meravigliosa possibilità di apprendimento, di crescita, di stimolo. come si fa? Fermati e chiediti cosa ha questa situazione da insegnarti. Scoprirai il potere di ogni emozione, ma avrai la possibilità, seguendo questi semplici step, di accedere al potere creativo ed evolutivo della rabbia, che come ogni “emozione” porta “movimento”, azione. Puoi scegliere quindi di agire la tua rabbia in maniera distruttiva o costruttiva, ogni volta che riesci a “costruire” o donarti nuovi inizi, celebra il risultato, festeggia, fatti un regalo… celebra la tua rabbia… ha molto da insegnarti e da dirti…
i portafortuna dal mondo

I portafortuna dal mondo

Portafortuna, un viaggio virtuale alla ricerca di tutti gli oggetti che scacciano le negatività e portano bene in vari settori.

E’ probabile che non si possa viaggiare molto questa estate, ma niente paura: ogni paese del mondo ha il suo portafortuna, e se ve ne piace uno in particolare lo troverete in vendita anche nei negozi etnici presenti in tutta Italia. Ogni cultura e paese ha un simbolo o una pratica diversi che si crede possa portare fortuna. Che si tratti di trasportare ghiande per una buona salute o di mettere un elefantino nel negozio per una prospera giornata di lavoro. mentre le culture si sono evolute e assimilate, questi portafortuna hanno viaggiato attraverso continenti e mari. Dietro ogni portafortuna non c’è solo una superstizione o paura, ma una storia profondamente radicata connessa all’origine del fascino e alla cultura da cui proviene. Ecco allora un viaggio virtuale intorno al mondo alla ricerca di portafortuna.

Ghiande – Inghilterra

molto prima che le ghiande fossero considerate simbolo di buona fortuna, erano associate alla magia. Quando due streghe si incrociavano nel bosco, si scambiavano ghiande per far sapere a vicenda chi erano e che erano al sicuro gli uni dagli altri. Come simbolo di buona fortuna, si dice che le ghiande proteggano la propria salute. Si ritiene che tenere con sé una ghianda protegga da malattie, malanni e altri dolori.

Cornicello – Italia

Questo corno italiano noto come “cornicello” è stato utilizzato fin dall’antichità per scongiurare il malocchio. È ancora un comune simbolo di buona fortuna in Italia ed è spesso indossato dalle madri che allattano e dalla donna incinta. Era anche usato per mantenere la felicità nel matrimonio, poiché molti credono che il malocchio possa influenzare matrimoni e relazioni.

Dreamcatcher – Stati Uniti

Dreamcatcher portafortuna americanoIl cacciatore di sogni dei nativi americani Chippewa viene utilizzato per coloro che hanno difficoltà a dormire. Quando la persona dorme, si dice che il dreamcatcher intrappoli tutti gli incubi del dormiente, per donare buona fortuna e consentire ai buoni sogni di fluire liberamente. La leggenda narra che quando il sole sorge, i brutti sogni catturati nell’acchiappasogni si dissolvono, poiché non possono sopravvivere alla luce del giorno. I nativi americani Chippewa o Ojibwa hanno progettato questi acchiappasogni per aiutare a proteggere i propri figli. La tradizione è associata all’Asibikaashi, o Spider Woman, una donna della leggenda di Ojibwa che era una custode di tutti i bambini.

Elefante – India e Tailandia

Gli elefanti come simbolo di buona fortuna sono comuni in tutta l’asia, ma sono particolarmente importanti in India e Tailandia. Simboleggiano forza, potenza, stabilità e saggezza. molte persone credono che un elefante di fronte alla porta di casa porterà fortuna e prosperità a chi vi vive. Di conseguenza, molti imprenditori in Asia posizioneranno gli elefanti all’ingresso dei loro negozi per fortuna.

Proteggono dal malocchio

Gli amuleti porta fortuna possono evolversi dal folklore, dalla leggenda e persino dalla religione. Storicamente, molti erano usati per proteggere le persone dal malocchio, un bagliore maligno che si riteneva potesse causare danni. Che tu creda nella buona fortuna o meno, i motivi per cui questi ciondoli sono rimasti usatissimi nel corso della storia possono essere abbastanza convincenti da farti diventare un collezionista di talismani.

Quadrifoglio – Irlanda

Le probabilità di trovare un quadrifoglio sono presumibilmente una su diecimila, motivo per cui è considerato così fortunato. Le quattro parti simboleggiano la fede, la speranza, la fortuna e l’amore, e si dice che chiunque lo trovi abbia grande fortuna quel giorno. Una leggenda cristiana afferma che Eva abbia portato con sé un quadrifoglio dopo essere stata bandita dal Paradiso per ricordarselo. Quattro è anche considerato un numero maschile e si riferisce ai quattro lati della croce, quindi alcuni credono che il quadrifoglio sia un pezzo di Paradiso o il Giardino dell’Eden.

Gris-gris Ghana

Sebbene il gris-gris sia nato in Ghana, da allora è migrato in altre parti del mondo. I gris-gris sono tenuti a scongiurare il male e mantenere la buona fortuna. In Nord america, i gris-gris sono stati usati per fermare i pettegolezzi, attirare denaro e amore e mantenere una buona salute per coloro che li portavano. Inizialmente erano probabilmente bambole o immagini di divinità, ma da allora si sono evolute fino a diventare piccole borse piene di quattro diversi elementi: sale, incenso, acqua e fuoco, che di solito è rappresentato da una fiamma di candela. Gli ingredienti devono avere un numero dispari e non salire più di 13.

Hamsa – Israele e Medio Oriente

La mano di HamsaHamsa - Israele e Medio Oriente​, o Khamsa, è comune nelle comunità ebraiche e musulmane in segno di buona fortuna. Questo ciondolo si dice che protegga le persone dall’energia negativa e porti felicità all’osservatore. La parola “hamsa” fa riferimento al numero cinque in ebraico e si dice che simboleggi i cinque libri della Torah. Nell’Islam, le cinque dita sono associate ai Cinque Pilastri dell’Islam. L’occhio sulla mano rappresenta un occhio che vede tutto e fa attenzione a chi guarda.

Ferro di cavallo Stati Uniti

Sebbene il ferro di cavallo sia comune negli Stati Uniti come simbolo di buona fortuna, può essere trovato anche nell’arte islamica e nell’iconografia egizia. mentre i superstiziosi credono che appendere un ferro di cavallo sulla porta sia indice di buona fortuna, molti non sono d’accordo sul modo corretto di appenderlo. alcuni credono che le due punte del ferro di cavallo debbano essere rivolte verso l’alto, sostenendo che questo orientamento cattura e raccoglie buona fortuna. altri suggeriscono che le punte dovrebbero essere rivolte verso il basso.

Jin Chan Cina

Il “rospo d’oro”, è popolare in Cina come simbolo di fortuna e successo. Si dice che la rana appaia durante la luna piena, portando fortuna e proteggendo dalle brutte notizie. Con solo tre zampe, seduto in una pila di monete con una moneta in bocca, questa rana può essere fatta risalire a leggende cinesi. Secondo la leggenda, il dio taoista Liu Hai incontrò una volpe che voleva salvare e trasformare in una bella donna che lo avrebbe aiutato a diventare un dio. Perché ciò accadesse, doveva ingannare una rana per entrare in un pozzo, e lo fece con successo. Ha usato il potere della rana, e ora Jin Chan dovrebbe essere Liu Hai.

Le chiavi – In tutto il mondo

Le chiavi sono state un simbolo di fortuna e liberazione in tutto il mondo, utilizzate in molte società e cerimonie. ad esempio, nella fede cattolica, il Papa appena consacrato riceve due chiavi incrociate in diagonale. Una è d’argento, a simboleggiare l’autorità spirituale del Papa. L’altra è l’oro, che rappresenta il potere del cielo. Inoltre, le ostetriche ebree erano solite dare le chiavi a una donna che partoriva per “sbloccare” il bambino e garantire un parto sicuro del bambino. Oggi, le chiavi sono per lo più associate all’apertura delle porte e alla libertà, o in casi romantici, come chiave per il proprio cuore.

Buddha che ride – India e Tailandia

Sebbene il Buddha ridente possa essere trovato in culture di tutto il mondo, è prevalentemente presente in Tailandia e India. Simboleggia la felicità e l’abbondanza perché il Buddha che ride non è mai infelice. Di conseguenza, molte persone li portano nelle loro case o attività commerciali per allegria e buona fortuna. Tuttavia, molti credono che la fortuna del Buddha ridente sia efficace solo se gli sfreghi lo stomaco ogni giorno, mantenendo sempre un atteggiamento positivo. Oltre alla sua pancia prominente, il Buddha che ride spesso possiede molte altre caratteristiche che determinano il tipo di fortuna che porta alle persone.

Maneki Neko – Giappone

La statua del gatto maneki Neko è caratterizzata dalla sua zampa alzata. “Neko” significa gatto in giapponese e “maneki” significa fare cenno. Se la zampa sinistra viene sollevata, si ritiene che il gatto attiri i clienti e porti buoni affari ai proprietari dei negozi. Se viene sollevata la zampa giusta, si ritiene che attragga denaro e prosperità, rendendo il maneki Neko più efficace. maneki Neko può anche venire in molti colori diversi: bianco significa felicità, nero significa protezione, verde significa salute e calico significa estrema fortuna.

Nazar -Turchia

Il Nazar, o malocchio, è un amuleto per la protezione contro coloro che non hanno buone intenzioni. a differenza dell’Hamsa, il Nazar non ha alcun significato religioso. Per questo motivo, è diventato popolare nei paesi di tutto il mondo. In Turchia, il Nazar è di solito un gioiello blu con perline che viene indossato o utilizzato su oggetti personali

rendere la casa magica

Rendi la tua casa magica

Trasforma la tua casa in un rifugio magicamente protetto e caricato con talismani, erbe, oggetti che attirano fortuna, prosperità, amore, salute

Anticamente la magia faceva parte della vita quotidiana. Ogni cosa era carica di energia proveniente da un mondo invisibile. Soprattutto nelle case: nessuna era priva di talismani, incantesimi, pozioni per la guarigione, spiritelli, magia delle erbe… superstizioni? Eppure, oggi, la magia sta tornando nelle nostre vite. E le nostre case sono un tempio della Dea. O almeno possono diventarlo. Ecco allora un piccolo decalogo di antiche usanze magiche per trasformare la nostra abitazione in un rifugio magicamente protetto e caricato per rendere la nostra vita più felice e serena. Un luogo in cui la realtà fisica e quella spirituale siano entrambe riconosciute e in armonia, riempiendo così la vita di momenti meravigliosi ed esaltanti.

L’ingresso

La porta d’ingresso è uno dei luoghi più magici della casa. Anticamente, le divinità più potenti proteggevano le soglie (Ecate, Giano). È da qui che entrano ed escono le energie, positive e negative. È bene perciò concentrare buona parte degli incantesimi proprio qui. Molti di essi sono pratiche protettive: appendere una zucca all’esterno di una porta respinge gli influssi negativi spiacevoli, così come una corona di bambù. Un cerchio disegnato con il gesso sulla porta impedisce agli spiriti di entrare, e anche un sacchetto di sale o delle campanelle appese alla maniglia. Anche mettere due spilli incrociati sotto lo zerbino,spargere semi di senape e piantare tra chiodi a forma di triangolo con una punta verso l’alto nella facciata esterna della porta tiene lontani gli indesiderati e gli invidiosi. Per invitar invece le energie positive è sempre la porta il luogo ideale. Cinque monete lucide da un centesimo sotto l’ingresso porteranno denaro, per esempio. Se volete vedere uno spirito la porta è il luogo migliore per fare pratica: al tramonto o a mezzanotte state sulla porta, al buio, guardando nella stanza. Con la porta semiaperta, poggiate la guancia su di essa e sbirciate dentro. Se perseverate potreste vedere le entità benevole che vi proteggono e vi sono vicine: la porta è un’entrata su altri mondi. Se invece qualche spirito vi dà fastidio, potete scacciarlo sbattendo la porta diverse volte. Anche le chiavi sono magiche. Una chiave d’oro protegge dal malocchio. Tre chiavi in una catenella portano salute, ricchezza e amore. È sempre bene benedire le chiavi d’ingresso di casa nostra: una notte di luna piena riempite una bacinella d’acqua pura aggiungete un rametto di rosmarino, folgie di rosa, un po’ di lavanda e salvia. Lasciate le chiavi immerse nell’acqua, sotto la luna, per tre notti: diventeranno un potente talismano. Ogni voltà che aprirete la porta di casa, poi, le chiavi saranno uno strumento magico: esprimete un desiderio e si avvererà, solo girando le chiavi nella toppa. Ma attenzione: se desiderate ottenere qualcosa, fate l’incanto quando entrate in casa. Se volete liberarvi da qualcosa, fatelo quando uscite

La camera da letto

È importante scegliere bene la posizione in cui sistemare il letto. La testa a nord aumenta la stabilità, la calma, la prosperità e la guarigione veloce dalle malattie. A est ci sente più freschi, creativi, pronti a iniziare nuove cose e pieni di energie. Dormire con la testa a sud aumenta le energie fisiche, la passione, la volontà, ma potrebbe non essere una posizione molto riposante! Dormire verso ovest assicura amore e spiritualità e aumenta la sensibilità. È l’ideale per chi vuole praticare la magia del sogno. Per facilitare il sonno si possono mettere foglie di lattuga sotto il cuscino, una calamita legata alla testa del letto o un pezzo di ametista sotto il letto. Quando volete dormire, baciate il
cuscino e ditegli che volete addormentarvi, antico metodo usato dalle streghe che funziona sempre. Per difenderci durante il sonno: foglie di eucalipto sotto il cuscino, un coltello sotto il letto, uno specchietto accanto alla testata del letto, una pianta di ciclamino sul comodino, una scopa sotto il letto. Un incantesimo per trovare l’amore da fare in camera da letto: accendete una candela rossa e attendete finché non si è depositata molta cera nel piattino. Prendete un pizzico di petali di rosa, mandorle tritate e vaniglia polverizzata, mescolate alla cera quasi fredda e impastatela a forma di cuore, che poi appenderete sopra il letto.

Il bagno

In una casa magica non può mancare una vasca da bagno. La doccia non permette purtroppo azioni magiche: fare il bagno è un vero e proprio rituale. Ma vediamo come. I bagni possono aiutarci a guarire. La malattia può essere magicamente trasferita all’acqua e poi risucchiata dallo scarico. Il sale neutralizza tutte le negatività: basta aggiungerne una manciata a ogni bagno. Monete d’argento nella vasca assicurano l’arrivo di denaro. Un bagno al mattino aumenta la bellezza, come il lavarsi la faccia con la rugiada di maggio. Un bagno a mezzogiorno porta fortuna e benessere, durante la notte aumenta le capacità psichiche, al tramonto porta amore e tenerezza. Fare il bagno in diversi giorni della settimana porta benedizioni diverse:
lunedì: sogni profetici.
martedì: passione ed erotismo.
mercoledì: rafforza capacità intellettuali.
giovedì: porta denaro.
venerdì: rafforza o procura l’amore.
sabato: protegge e porta memorie di vite
domenica: dona forza e vitalità, rischiara le situazioni poco chiare

I mobili

I mobili hanno un loro potere magico. Intanto, se i mobili sono antichi e hanno qualche imperfezione, è quasi sicuramente voluta: serve per intrappolare le energie negative e permettere loro di andarsene. Tutte le cose perfette poi venivano ritenute pericolose perché attiravano l’invidia e la collera degli dei. In passato, si incidevano piccoli segni magici sui mobili come protezione. Ogni tipo di legno ha un potere diverso, eccone un piccolo elenco:

ebano: potere magico, protezione.
quercia: forza, salute, fortuna, protezione.
pino: denaro, esorcismo, guarigione.
sequoia: longevità.
ciliegio: amore.
teak: ricchezza.
cedro: purificazione, protezione.
acero: amore, denaro.
mogano: protezione.
noce: salute

In generale, i mobili andrebbero sistemati negli angoli per spezzarne l’energia negativa e permettere all’energia buona di scorrere liberamente. I mobili con gli angoli arrotondati sono perfetti per la casa magica. Tavoli rotondi, schienali delle sedie curvi e tappeti ovali rafforzano la casa e i suoi abitanti.

Le piante

Da sempre le piante sono le migliori alleate delle streghe. Se non potete avere un giardino, potete scegliere piante da interno secondo il loro potere magico.
Aloe vera: pianta lunare, protegge contro gli intrusi e le energie negative.
Anthurium: porta amore e bellezza.
Asplenio: protegge soprattutto i neonati.
Nocciolo dell’avocado: diventa una bellissima pianta che diffonde amore e aumenta il desiderio sessuale.
Bromelia: porta lusso e abbondanza.
Cactus: pianta solare che porta forza.
Ciclamino: protegge perché nessun incantesimo nocivo può funzionare dove vive.
Croco: porta amore e serenità.
Edera: respinge le negatività.
Felci: proteggono e aumentano la creatività, rafforzano qualsiasi incantesimo.
Ficus: dà un sonno riposante, in cucina porta prosperità e ricchezza.
Palme: emanano vibrazioni spirituali.
Tulipani: proteggono da povertà e tristezza o depressione, portano l’amore

Presagi e segni premonitori in casa

A metà fra magia e tradizione popolare, ecco alcuni piccoli segnali e i loro significato. Se vi state dondolando sulla sedia a dondolo e questa inizia a muoversi lungo il pavimento, arriverà qualcuno a trovarvi prima di sera. Se ribaltate la sedia quando vi alzate è segno che avete da poco mentito. Se durante la notte una delle stecche del letto esce dal suo posto è segno che la ricchezza sta per bussare alla vostra porta. Gettate sempre un po’ di sale, pepe o zucchero alle vostre spalle per evitare la sfortuna. Scambiare il sale con lo zucchero è un dolce presagio: porta buone notizie. Se nel caffè vedete delle bollicine è in arrivo denaro. Se fate cadere un bicchiere e non si rompe è la prova che avete amici che farebbero qualunque cosa per voi. Un uccello che vola in casa è un segno di fortuna e ricchezza. Una lucertola in giardino protegge. Vedere un ragno in casa porta fortuna, ma ucciderlo porta molta sfortuna. Se cade un quadro, si preannuncia un viaggio. Se lasciate le ante dell’armadio aperte qualcuno spettegolerà su di voi.

La Cucina

Cucinare è un atto di magia in cui le mani della cuoca trasformano ingredienti grezzi in qualcosa di molto più grande della somma delle sue parti. Il calderone magico in cui la Dea tutto trasforma trova la sua collocazione simbolica ideale in cucina, sostituito oggi da pentole e padelle. Tradizionalmente, trecce di aglio e cipolle pro teggono la cucina e cibi che vengono preparati, ma non vanno ma mangiate perché assorbono la negatività! Un barattolo di sale grosso custodito nello scaffale più alto assicura denaro e ricchezza, ma non va mai utilizzato per cucinare. Per allontanare ogni sorta di guai, fate questo piccolo incantesimo. Legate insieme due strofinacci, metteteli in una pentola d’acqua con tre foglie di alloro e fate bollire per un paio di minuti. Quando l’acqua è fredda, togliete tutto e versatela nel lavandino o fuori, nella terra, poi sotterrate gli strofinacci con le foglie. Tre piccole curiosità: quando fate un brindisi assicuratevi che i bicchieri si incontrino con un tintinnio, altrimenti il brindisi non verrà sentito dalle forze superiori. E lasciate sempre un boccone o due nel piatto perché coloro che pu liscono completamente il piatto conosceranno solo la povertà. Prima di mangiare un liquido con un cucchiaio rimestate tre volte il contenuto della scodella da destra a sinistra, in senso orario, poi togliete il cucchiaio e mangiate. Assicura grande fortuna.

RITUALI DI PURIFICAZIONE

Fare pulizia non basta: tutte le case raccolgono energie negative (pensieri di rabbia, paura, caos) nostre e dall’esterno. La negatività può rovinare relazioni, creare tensione, aumentare litigi e incidenti. Ma è abbastanza semplice liberarsene: ecco alcuni riti per “pulire” a fondo, a livello astrale, la nostra casa.

CON LA SCOPA
A primavera, o anche ogni mese, prima dell’alba prendete un ramo da un albero e ringraziatelo per il dono lasciando una moneta a terra. Prendete poi molti fiori con il gambo lungo e legateli al ramo per formare una specie di scopa. Poi spazzate il pavimento di ogni stanza visualizzando i fiori che assorbono la negatività. Infine lasciate la scopa a un incrocio.

CON IL LIMONE
Quando la luna è piena, pelate 9 limoni solo con le mani. Mettete le bucce in un secchio e aggiungete acqua. Spremete le scorze, visualizzate il potere dei limoni di purificare, e infine strofinate pavimenti, maniglie, finestre con l’acqua. Versatene un po’ in ogni scarico.

LA BOTTIGLIA PROTETTIVA
Prendete una grossa bottiglia e riempitela con pezzetti di filo di diverso colore. Quando aggiungete un pezzo di filo, giorno dopo giorno, pronunciate una frase come questa. “lega ogni male!”. Poi aggiungete rosmarino, aghi e spilli e riempite la bottiglia. Aggiungete un po’ di vino rosso, tappate e sigillate il tappo on cera nera. Mettete la bottiglia in un angolo nascosto della casa:
distrugge ogni negatività e malvagità.

Test per le negatività

rendere la casa magica con gli animali
Il cane è un buon rivelatore e ha un’istintiva antipatia per le zone perturbate, mentre il gatto ama le vibrazioni dei raggi tellurici della rete, in par ticolare in nodi di H e sceglie i luoghi a maggiore sollecitazione. Quindi state dove sta il vostro cane ed evitate di stare dove riposa il gatto. Questo è anche uno dei motivi che quando state male il gatto viene a coc colarvi: è goloso di quell’energia negativa. In generale gli animali che fug gono le geopatie sono: cani, ca valli, vacche, maiali, pecore, cicogne (dove fa il nido è un posto sicuro) e anche i topi. Animali che invece scelgono le zone geopatiche sono: formiche, termiti, api, vespe, lumache, oltre ai già citati gatti. Le api producono una quantità tripla di miele se sono su un nodo di H, termiti e formiche, invece, cercano le zone di più intensa irradiazione per co struirvi le loro dimore. Anche le piante si mostrano molto sensibili alle zone geo patogene, nelle quali hanno dif ficoltà di attecchimento e di crescita e subiscono più facil mente le malattie; una zona negativa è resa particolarmente evidente dalle siepi che, nella parte interessata, perdono vigore e ingialliscono. Tra le più sen sibili, il capelvenere e il prez zemolo in vaso, che nel luogo sabgliato non si sviluppano. Il cocomero, il sedano e la ci polla non riescono a crescere in zone perturbate. Anche di stese rigogliose di edera, felci e ortiche indicano la presenza di correnti telluriche e ci sono piante curative, come la calen dula e la menta, che massi mizzano aroma e proprietà pro prio grazie alla stimolazione delle radiazioni sotterranee

reiki come curarsi in modo naturale

Reiki, come curarsi in modo naturale

Il Reiki è uno straordinario strumento di guarigione fisica, mentale e spirituale e una disciplina spirituale che ci dà la pace interiore.

Il Reiki è da considerarsi sia una terapia energetica che una disciplina spirituale, nata in Giappone per merito del Maestro Mikao Usui all’inizio del ‘900. Per comprendere il significato più profondo di questa disciplina, è necessario analizzare l’etimologia della parola Reiki che è composta da due sillabe: Rei e Ki.
La sillaba Rei sta ad indicare l’energia primordiale divina che ha dato avvio alla creazione dell’universo in tutte le sue forme. La sillaba Ki invece rappresenta sia l’energia vitale universale che è presente in tutte le cose e in tutti gli esseri viventi sia l’energia personale intrinseca ad ognuno di noi. In pratica, il Reiki è quella disciplina che consente di riequilibrare la nostra energia personale attraverso l’utilizzo dell’energia universale. Essa ci permette di risvegliare il divino che è in noi e di tornare ad essere UNO con Dio.

Il reiki e la visione olistica della malattia

Il Reiki è dunque un potente strumento di guarigione profonda che parte dal presupposto che nell’universo tutto è energia, ogni essere vivente ha una frequenza e ogni individuo è la combinazione di tre dimensioni: corpo, mente e spirito. A differenza della medicina ufficiale che guarda al paziente solo come corpo fisico, secondo la visione olistica, ogni patologia è il risultato di uno squilibrio tra queste 3 importanti dimensioni che devono invece essere mantenute in perfetto equilibrio. Reiki dunque lavora a livello profondo e, riattivando la nostra capacità di auto-guarigione ed eliminando quei blocchi energetici che impediscono il fluire regolare dell’energia, porta ad una guarigione totale di tutte e tre queste dimensioni.
In Occidente, il Reiki si è diffuso quasi esclusivamente come tecnica energetica probabilmente per il fatto che a diffonderlo in Occidente è stata una giovane donna hawaiana, Hawayo Takata. La giovane donna, affetta da un male incurabile, negli anni ’40 fu curata e guarita in una clinica di Tokyo dove i pazienti venivano trattati esclusivamente con il Reiki (più operatori si alternavano e riuscivano a tenere sotto trattamento i pazienti per tutta la giornata). Miracolosamente guarita, la donna decise di diffondere il più possibile queste disciplina affinché il maggior numero di persone possibile potesse entrare in contatto con questo importante strumento.
E’ importante rammentare che in verità il Reiki è principalmente una disciplina spirituale il cui obiettivo è quello di raggiungere l’illuminazione (o l’assoluta pace interiore); infatti, per funzionare richiede grande costanza e molto lavoro su se stessi per mantenere in perfetto equilibrio corpo, anima e mente.

Come si utilizza il reiki?

Come si utilizza il reiki?​
Le tecniche di guarigione e i trattamenti necessari a ristabilire o mantenere in equilibrio le nostre tre dimensioni si possono apprendere molto facilmente durante i seminari di 1°, 2° e 3° livello. Ogni seminario si focalizza su ciascuna di queste tre dimensioni ed in particolare:
Nel seminario di 1° livello ci si focalizza su sé stessi e sul corpo fisico. L’intento principale è quello di apprendere a lasciar fare all’energia senza utilizzare la mente per indirizzarla.
Nel seminario di 2° livello ci si focalizza invece sul corpo mentale e sugli altri. Si apprendono delle tecniche in grado di operare una vera trasformazione dei nostri schemi mentali e delle strutture sulle quali è impostata la nostra mente. Si apprende anche una tecnica per operare e inviare Reiki a distanza.
Nel seminario di 3° livello ci si focalizza sullo spirito che è il nostro obiettivo finale e si approda alla vera guarigione profonda.
Il Reiki è uno strumento straordinario che può trasformare radicalmente la vita di chi diventa un suo canale. Lavorando a livello molto profondo, esso ci aiuta a scoprire il nostro vero “io”, i talenti che possiamo coltivare e può aumentare la nostra vibrazione al punto che tutti i settori della nostra vita ne trarranno beneficio. Praticando la disciplina del Reiki, gradualmente vedremo trasformarsi tutte le persone intorno a noi: il partner, i colleghi, gli amici. Quando noi cambiamo, anche la risposta che riceviamo dall’universo ha un’altra frequenza, molto più elevata. E nella nostra vita, ogni dettaglio, anche quello all’apparenza più insignificante, si tinge di amore e accettazione.

incantesimi di guarigioni

Incantesimi di Guarigione

Gli Incantesimi e il suono della primavera La Magia ci può aiutare a raggiungere e a conservare uno stato di piena armonia e benessere con noi stessi e con il mondo, soprattutto adesso a primavera. Ecco gli incantesimi che ci guariscono.

La magia non è altro che una guarigione spirituale, dove per guarigione si intende uno stato di recupero delle parti disperse dell’anima e uno stato di persistente armonia, benessere globale di corpo, mente e anima. Sicuramente gli incantesimi non possono propriamente guarire una malattia, ma possono aiutarci a propiziare e mantenere questo livello di qualità della vita. Ecco allora alcuni incantesimi di guarigione intesa in questo senso e più propriamente di prosperità, che è quello stato di grazia in cui stiamo bene con noi stessi e il mondo e non abbiamo bisogno di niente. Gli incantesimi agiscono su un diverso livello della guarigione e delle prosperità.

AFRODITE: ENERGIA DI BELLEZZA PER CORPO E ANIMA

Afrodite o Venere è la dea della bellezza, dell’amore, della sensualità, ma anche dell’armonia e dell’amore per se stessi, quel giusto amore necessaro per stare bene, vivere in gioia e prosperità, e anche indispensabile per essere amati dagli altri. In astrologia Venere rappresenta anche la salute ed è l’esempio perfetto di come salute fisica e benessere mentale, emotivo e dell’anima siano un qualcosa di inscindibile. Gli incantesimi per invocare la presenza della dea Afrodite nella nostra vita rappresenta quindi il miglior incanto di guarigione e il modo migliore, magicamente parlando, per avere bellezza interiore ed esteriore, salute, armonia e gioia di vivere.
Non esitiamo a fare questo incanto ogniqualvolta nella nostra vita sentiamo qualcosa che non va, che è stonato.

Per questo rituale ti serviranno:
6 candele rosa.
Olio di rose macerate.
Una tua foto a figura intera Incenso alla rosa.
Una manciata di petali di rosa di vari colori essiccati.
Un barattolo di vetro.
Un pezzo di stoffa di seta rosa.

Il Rituale:
Concentrati per qualche minuto per liberare la mente e rilassarti visualizzando un giardino di rose e respirando profondamente per 7 volte
Prendi la tua foto e scrivi sopra il tuo nome per tre volte.
Metti l’olio di rosa, i petali di rosa essiccati e la foto dentro il barattolo di vetro, e accendi l’incenso.
Metti le candele rosa attorno al barattolo di vetro e accendile in senso orario.
Recita questa formula magica: “Dea dell’Amore e della Bellezza, Afrodite, Venere, Astarte e Ishtar, portami salute e benessere, a corpo, mente e anima, e portami armonia! Afrodite portami benessere! Venere, portami benessere! Astarte portami benessere! Ishtar portami benessere! Benedetta sia la luce dell’Amore e della Bellezza di Afrodite, Venere, Astarte e Ishtar!”
Chiudi il barattolo, avvolgilo in un pezzo di stoffa rosa e tienilo sotto il tuo letto per sette notti.
Passati sette giorni prendi il barattolo avvolto nella stoffa e sotterralo così com’è dove nessuno potrà trovarlo, in un bosco.

CERERE: L’INFINITO NUTRIMENTO DEL PIACERE

Incantesimi d'amore
Cerere rappresenta il nutrimento, la cura, il primo piacere che l’essere umano prova. A questo pianeta possiamo rivolgerci se sentiamo che quello che abbiamo perso è la capacità di godere dei piaceri della vita. Se siamo caduti nella rete di una vita frenetica che non ci lascia un attimo per noi stessi. La vibrazione di Cerere ci strapperà ai ritmi artificiali per regalarci una vita più allineata con i ritmi naturali e grazie alla fresca brezza della nuova stagione potrà donarci l’estasi di nuove esperienze sensoriali, permetterci di prenderci cura di noi stessi, fare in modo che il nostro corpo torni a essere florido e prosperoso, bello in tutti i sensi! Prendiamo dei semi di orzo da piantare: l’orzo è il cereale un tempo sacro alla Dea Cerere, personificazione di Demetra, la dea delle messi. Compriamo un vaso apposito e del terriccio nuovi. Una volta allestito l’altare prendiamo tanti chicchi d’orzo quanti sono i nostri anni e teniamoli nella mano destra cercando di avvertirne la consistenza e immaginando che dentro a ognuno di questi chicchi sia custodita una vita, un prezioso dono di Demetra. Poi piantiamoli ad uno ad uno nel vaso che avremo riempito di terra, e per ogni seme piantato pronunciamo ad alta voce quello che vogliamo ottenere, che la nostra bellezza prosperi, per esempio, oppure che possiamo tornare ad avere gusto per la vita, ecc. Quando avremo terminato l’operazione innaffiamo con un po’ d’acqua, prendiamo il vaso tra le mani e cerchiamo di sentire la natura che farà il suo corso, la vita che sta per germogliare. Lasciamo il vaso in un angolo assolato della nostra casa. Se decidete di ripetere il rito per tre volte dovrete seminare solo un terzo dei semi alla volta e usare sempre lo stesso vaso avendo l’accortezza di lasciare lo spazio adeguato per gli altri semi. Ricordiamoci quando germoglieranno di bagnarli con costanza e usiamo un vaso abbastanza grosso! Al solstizio d’estate l’incantesimo sarà compiuto.

NETTUNO: LA CRESCITA INTERIORE PER UNA IMMENSA GIOIA

Se è un po’ che non proviamo soddisfazione per le mete interiori che raggiungiamo. Se riteniamo che è il momento per arrivare ad uno stato di consapevolezza più alta e che è ora di ricominciare il cammino alla scoperta di se stessi, le energie di Nettuno possono aiutarci dandoci soprattutto in questo periodo l’impulso necessario a rimettere in moto le energie spirituali della crescita interiore. Ma le vibrazioni di questo pianeta possono servirci anche più semplicemente per regalarci un sentimento di gioia e far esplodere la felicità nel nostro cuore. Quindi se arriviamo da un inverno in cui il nostro umore è stato un po’ sotto tono, non c’è niente di meglio che metterci sulla lunghezza d’onda di Nettuno. Il nostro piccolo altare dovrà innanzitutto essere allestito accanto alla vasca da bagno che riempiremo d’acqua e in cui getteremo una manciata di sale marino. Prima di entrare nella vasca ci saremmo procurati una candela galleggiante, va benissimo di colore bianco e dell’olio essenziale profumato ai fiori di loto. Assicuriamoci di non essere disturbati e soprattutto di avere il massimo silenzio possibile. Versiamo nella vasca da bagno subito prima di immergerci qualche goccia dell’olio essenziale. Non utilizziamo saponi per lavarci, ma godiamoci la nostra abluzione facendo attenzione affinché l’acqua non sia troppo calda, ma tiepida. Restiamo immersi in silenzio cercando di non pensare a nulla. Svuotiamo la mente da tutto, e lasciamo che i pensieri che ci angosciano vengano portati via dall’acqua che ci avvolge. Quando ci sentiamo pronti e purificati accendiamo la candela e lasciamola galleggiare sull’acqua: è il potere dello spirito che illumina la nostra vita. È importante che ci concentriamo sulla sua luce finché non sentiamo che questa luce tocca anche noi e illuminerà la nostra vita regalandoci una felicità sempre crescente. A questo punto possiamo uscire dalla vasca: lasciamo consumare la candela e solo quando si spegne svuotiamo la vasca.

PLUTONE: UN PO’ DI FUOCO PER ACCENDERE I RAPPORTI CON GLI ALTRI

Plutone è il pianeta dei molti rispetto all’uno, il suo motto potrebbe essere “l’unione fa la forza”, è legato alla specie più che all’individuo, alla mente collettiva. Possiamo stabilire un rapporto con la sua forza se ci sentiamo isolati e se sentiamo la necessità di uscire dall’isolamento in cui ci troviamo per ritrovare un contatto con le persone, sia quelle più vicino a noi che persone che ancora non conosciamo: un contatto insomma con l’ampio gruppo umano di cui facciamo parte e fare in modo che questi nuovi legami prosperino e ci aiutino a prosperare a nostra volta. Questo pianeta può in realtà aiutarci a creare rapporti di amicizia solidi e a far sì che questi possano crescere col tempo, ma ha bisogno di un innesco perché è un aspetto in cui le energie hanno più difficoltà a circolare. Perché non darle un po’ di fuoco quindi? Se disponiamo di un giardino possiamo organizzarci per accendere un piccolo falò, se siamo in casa andranno benissimo 8 candele (uno dei numeri associati al pianeta). Muniamoci di un fil di ferro di 80 cm e di una cordina sottile sempre di 80 cm che annoderemo in quattro punti al filo di ferro (sono quattro gli angoli di 90° di un quadrato). Accendiamo il falò o le candele e teniamo i fili tra le mani tra le mani, immaginando che il filo di ferro che unisce la mano destra alla sinistra è il filo che ci lega a tutte le persone del mondo, il filo che ci tiene legati a quell’unica rete che è l’umanità intera. Adesso gettiamo il filo di ferro nel fuoco o passiamolo nelle candele. Vedremo la corda bruciare: in questo modo dinamizziamo magicamente i nodi che ci impediscono di avere rapporti sereni. Se possiamo cerchiamo poi di scaldare il più possibile il filo di ferro, quasi ad arroventarlo, concentrati sul nostro proposito di riaccendere le relazioni con gli altri. Mettiamo il filo nostro filo di ferro al sicuro e conserviamolo fino al solstizio d’estate.

Questo esercizio andrebbe fatto per tutto un mese, tra l’alba e il mezzogiorno. In primo luogo dovete cercare di rilassarvi mentre focalizzate il Sole sopra di voi. Concentratevi sulla sua luce e iniziate una respirazione lenta, gonfiando l’addome. Visualizzate l’aria come se fosse una corrente luminosa che entra nel vostro corpo e lo riempie finché anche voi non siete diventati un essere di luce. Rimanete qualche istante in questo stato in cui sentite il vostro corpo essere diventato una creatura luminosa. Poi alzatevi rivolgendovi anche solo idealmente verso il Sole, ponete le mani a formare un triangolo sopra la testa e dite:

“Salute a te oh fonte di ogni luce, io ti prego donami la tua illuminazione”
.
Abbassando le braccia con le mani a triangolo di fronte al viso proseguite: “Illumina la mia mente affinché io possa percepire più chiaramente tutte le cose in cui io opero i miei sforzi”. Abbassando le mani a triangolo davanti al bacino, dite:
“E illumina la mia anima, infondendole, mio signore, l’essenza della purezza”.
Con i palmi delle mani all’altezza dell’ombelico con rivolti verso l’alto e le dita che si toccano:

“io rivelo a te la mia essenza interiore e chiedo che essa sia mondata e purificata.”

PER FAR TORNARE ENERGIE POSITIVE DI GUARIGIONE

purificazione energie positive
VIA LA NEGATIVITÀ
Spesso la vita che conduciamo, i conflitti non risolti con noi stessi e gli altri, le disarmonie che sperimentiamo ogni giorno ci fanno provare sentimenti pesanti e negativi. Un modo splendido, a metà fra magia e spiritualità, per riarmonizzare e rigenerare le energie è fare un’apertura dei chakra.
Si fa così: sedetevi a gambe incrociate e fate tre profondi respiri a occhi chiusi. Poi immaginate che una sfera di colore rosso si formi all’altezza di vostri organi genitali, vedetela ingrandirsi e splendere sempre di più. Fate un respiro e passate alla zona sotto l’ombelico dove vedrete formarsi una sfera di colore arancione che si ingrandisce, vibra e splende. Poi passate al plesso solare, e visualizzate una sfera di colore giallo oro. Adesso, sempre facendo un respiro, portatevi nella zona del cuore e visualizzate una sfera di colore verde brillante che pulsa di energia e splende. Un respiro, e passate alla zona della gola dove visualizzerete una sfera di colore blu. Poi portatevi nella zona della fronte vedendo una sfera di colore viola che si ingrandisce e splende. Infine, due dita sopra la testa, visualizzate una sfera di colore bianco, argento oppure oro. Fate tre profondi respiri e vedete dall’ultima sfera, quella del settimo chakra, una luce argentata che scende come una fontanella e arriva fino al primo chakra passando per tutti. Restate in questa visualizzazione per qualche minuto, poi ripercorretela al contrario chiudendo tutte le sfere, tranne l’ultima che non va mai chiusa completamente.

RADICAMENTO
Un esercizio per rigenerare tutto il corpo e lo spirito, molto usato prima degli incantesimi e anche esso stesso come incantesimo, è il radicamento o grounding. Seduti a gambe incrociate o distesi, immaginate delle radici sottilissime che escono dalla base della vostra spina dorsale, penetrano nel terreno e intanto si ingrandiscono, si rafforzano, diventano sempre più turgide, scendono nel terreno fino a raggiungere il centro o cuore della terra, qui assorbono una energia di colore verde brillante, una linfa che a ogni respiro risale per le radici e raggiunge il vostro cuore. Il cuore si riempie di questa energia calda, forte, brillante, e la diffonde per tutto il corpo. Poi visualizzate dei rami che escono dalla vostra testa e raggiungono il cielo, assorbono energia azzurra, fresca, limpida e la portano nel cuore. Le due energie si incontrano e armonizzano tutto l’essere.

come attirare la fortuna in casa

Come attirare la Fortuna in Casa

Attirare la fortuna in casa e respingere la malasorte e le negatività: ecco metodi antichi, tradizionali e magici per assicurarci una vita di grande prosperità e felicità.

Anticamente la magia faceva parte della vita quotidiana. Ogni cosa era carica di energia proveniente da un mondo invisibile. Soprattutto nelle case: nessuna era priva di talismani, incantesimi, pozioni per la guarigione, spiritelli, magia delle erbe… superstizioni? Eppure, oggi, la magia sta tornando nelle nostre vite. E le nostre case sono un tempio della Dea. O almeno possono diventarlo. Ecco allora un piccolo decalogo di antiche usanze magiche per trasformare la nostra abitazione in un rifugio magicamente protetto e caricato per rendere la nostra vita più fortunata e serena. Un luogo in cui la realtà fisica e quella spirituale siano entrambe riconosciute e in armonia, riempiendo così la vita di momenti meravigliosi ed esaltanti.

L’INGRESSO

La porta d’ingresso è uno dei luoghi più magici della casa. Anticamente, le divinità più potenti proteggevano le soglie (Ecate, Giano). È da qui che entrano ed escono le energie, positive e negative. È bene perciò concentrare buona parte degli incantesimi proprio qui. Molti di essi sono pratiche protettive come appendere una zucca all’esterno di una porta respinge gli influssi negativi spiacevoli, così come una corona di bambù. Un cerchio disegnato con il gesso sulla porta impedisce agli spiriti di entrare, e anche un sacchetto di sale o delle campanelle appese alla maniglia. Anche mettere due spilli incrociati sotto lo zerbino,spargere semi di senape e piantare tra chiodi a forma di triangolo con una punta verso l’alto nella facciata esterna della porta tiene lontani gli indesiderati e gli invidiosi. Per invitar invece le energie positive è sempre la porta il luogo ideale. Cinque monete lucide da un centesimo sotto l’ingresso porteranno denaro, per esempio. Se volete vedere uno spirito la porta è il luogo migliore per fare pratica: al tramonto o a mezzanotte state sulla porta, al buoi, guardando nella stanza. Con la porta semiaperta, poggiate la guancia su di essa e sbirciate dentro. Se perseverate potreste vedere le entità benevole che vi proteggono e vi sono vicine: la porta è un’entrata su altri mondi. Se invece qualche spirito vi dà fastidio, potete scacciarlo sbattendo la porta diverse volte. Anche le chiavi sono magiche (Ecate aveva le chiavi dell’universo, e antichi sacerdoti e sacerdotesse possedevano delle chiavi come simbolo di potenti legami magici con le loro divinità). Le chiavi rappresentano la saggezza, il raggiungimento di livelli superiori di consapevolezza e protezione magica. Una chiave d’oro protegge dal malocchio. Tre chiavi u una catenella portano salute, ricchezza e amore. È sempre bene benedire le chiavi d’ingresso di casa nostra: una notte di luna piena riempite una bacinella d’acqua pura aggiungete un rametto di rosmarino, folgie di rosa, un po’ di lavanda e salvia. Lasciate le chiavi immerse nell’acqua, sotto la luna, per tre notti: diventeranno un potente talismano in grado di tenere lontano tutte le negatività. Ogni voltà che aprirete la porta di casa, poi, le chiavi saranno uno strumento magico: esprimete un desiderio e si avvererà, solo girando le chiavi nella toppa. Ma attenzione: se desiderate ottenere qualcosa, fate l’incanto quando entrate in casa. Se volete liberarvi da qualcosa, fatelo quando uscite.

I MOBILI

I mobili hanno un loro potere magico. Intanto, se i mobili sono antichi e hanno qualche imperfezione, è quasi sicuramente voluta: serve per intrappolare le energie negative e permettere loro di andarsene. Tutte le cose perfette poi venivano ritenute pericolose perché attiravano l’invidia e la collera degli dei. In passato, si incidevano piccoli segni magici sui mobili come protezione. Ogni tipo di legno ha un potere diverso, eccone un piccolo elenco.
Ebano: potere magico, protezione.
Quercia: forza, salute, fortuna, protezione.
Pino: denaro, esorcismo, guarigione.
Sequoia: longevità.
Ciliegio: amore.
Teak: ricchezza.
Cedro: purificazione, protezione.
Acero. Amore, denaro.
Mogano: protezione.
Noce: salute.
In generale, i mobili andrebbero sistemati negli angoli per spezzarne l’energia negativa e permettere all’energia buona di scorrere liberamente. I mobili con gli angoli arrotondati sono perfetti per la casa magica. Tavoli rotondi, schienali delle sedie curvi e tappeti ovali rafforzano la casa e i suoi abitanti.

CAMERA DA LETTO

È importante scegliere bene la posizione in cui sistemare il letto. La testa a nord aumenta la stabilità, la calma, la prosperità e la guarigione veloce dalle malattie. A est ci sente più freschi, creativi, pronti a iniziare nuove cose e pieni di energie. Dormire con la testa a sud aumenta le energie fisiche, la passione, la volontà, ma potrebbe non essere una posizione molto riposante! Dormire verso ovest assicura amore e spiritualità e aumenta la sensibilità. È l’ideale per chi vuole praticare la magia del sogno. Per facilitare il sonno si possono mettere foglie di lattuga sotto il cuscino, una calamita legata alla testa del letto o un pezzo di ametista sotto il letto. Quando volete dormire, baciate il cuscino e ditegli che volete addormentarvi, antico metodo usato dalle streghe che funziona sempre. Per difenderci durante il sonno: folgie di eucalipto sotto il cuscino, un coltello sotto il letto, uno specchietto accanto alla testa del letto, una pianta di ciclamino sul comodino, una scopa sotto il letto. Un incantesimo per trovare l’amore da fare in camera da letto: accendete una candela rossa e attendete finchè non si è depositata molta cera nel piattino. Prendete un pizzico di petali di rosa, mandorle tritate e vaniglia polverizzata, mescolate alla cera quasi fredda e impastatela a forma di cuore, che poi appenderete sopra il letto.

BAGNO

In una casa magica non può mancare una vasca da bagno. La doccia non permette purtroppo azioni magiche: fare il bagno è un vero e proprio rituale. Ma vediamo come. I bagni possono aiutarci a guarire. La malattia può essere magicamente trasferita all’acqua e poi risucchiata dallo scarico. Il sale neutralizza tutte le negatività: basta aggiungerne una manciata a ogni bagno. Monete d’argento nella vasca assicurano l’arrivo di denaro. Un bagno al mattino aumenta la bellezza, come il lavarsi la faccia con la rugiada di maggio. Un bagno a mezzogiorno porta fortuna e benessere, durante la notte aumenta le capacità psichiche, al tramonto porta amore e tenerezza. Fare il bagno in diversi giorni della settimana porta benedizioni diverse: Lunedì: sogni profetici Martedì: passione ed erotismo Mercoledì: rafforza capacità intellettuali Giovedì: porta denaro Venerdì: rafforza o procura l’amore Sabato: protegge e porta memorie di vite Domenica: dona forza e vitalità, rischiara le situazioni poco chiare.

CUCINA

Cucinare è un atto di magia in cui le mani della cuoca trasformano ingredienti grezzi in qualcosa di molto più grande della somma delle sue parti. Il calderone magico in cui la Dea tutto trasforma trova la sua collocazione simbolica ideale in cucina, sostituito oggi da pentole e padelle. Tradizionalmente, trecce di aglio e cipolle proteggono la cucina e cibi che vengono preparati, ma non vanno ma mangiate perché assorbono la negatività! Un barattolo di sale grosso custodito nello scaffale più alto assicura denaro e ricchezza, ma non va mai utilizzato per cucinare. Per allontanare ogni sorta di guai, fate questo piccolo incantesimo. Legate insieme due strofinacci, metteteli in una pentola d’acqua con tre foglie di alloro e fate bollire per un paio di minuti. Quando l’acqua è fredda, togliete tutto e versatela nel lavandino o fuori, nella terra, poi sotterrate gli strofinacci con l foglie. Tre piccole curiosità: quando fate un brindisi assicuratevi che i bicchieri si incontrino con un tintinnio, altrimenti il brindisi non verrà sentito dalle forze superiori. E lasciate sempre un boccone o due nel piatto perché coloro che puliscono completamente il piatto conosceranno solo la povertà. Prima di mangiare un liquido con un cucchiaio rimestate tre volte il contenuto della scodella da destra a sinistra, in senso orario, poi togliete il cucchiaio e mangiate. Assicura grande fortuna.

LE PIANTE

Da sempre le piante sono le migliori alleate delle streghe. Se non potete avere un giardino, potete scegliere piante da interno secondo il loro potere magico. Aloe vera: pianta lunare, protegge contro gli intrusi e le energie negative Anthurium: porta amore e bellezza Asplenio: protegge soprattutto i neonati Nocciolo dell’avocado: diventa una bellissima pianta che diffonde amore e aumenta il desiderio sessuale Bromelia: porta lusso e abbondanza Cactus: pianta solare che porta forza Ciclamino: protegge perché nessun incantesimo nocivo può funzionare dove vive. Croco: porta amore e serenità Edera: respinge le negatività Felci: proteggono e aumentano la creatività, rafforzano qualsiasi incantesimo Ficus: dà un sonno riposante, in cucina porta prosperità e ricchezza Palme: emanano vibrazioni spirituali Tulipani: proteggono da povertà e tristezza o depressione, portano l’amore.

Rituali di Purificazione
Fare pulizia non basta: tutte le case raccolgono energie negative (pensieri di rabbia, paura, caos) nostre e dall’esterno. La negatività può rovinare relazioni, creare tensione, aumentare litigi e incidenti. Ma è abbastanza semplice liberarsene: ecco alcuni riti per “pulire” a fondo, a livello astrale, la nostra casa.

bottiglie magicheBOTTIGLIA PROTETTIVA
Prendete una grossa bottiglia e riempitela con pezzetti di filo di diverso colore. Quando aggiungete un pezzo di filo, giorno dopo giorno, pronunciate una frase come questa. “lega ogni male!”. Poi aggiungete rosmarino, aghi e spilli e riempite la bottiglia. Aggiungete un po’ di vino rosso, tappate e sigillate il tappo con cera nera. Mettete la bottiglia in un angolo nascosto della casa: distrugge ogni negatività e malvagità.

scopa portafortunaCON LA SCOPA
A primavera, o anche ogni mese, prima dell’alba prendete un ramo da un albero e ringraziatelo pr il dono lasciando una moneta a terra. Prendete poi molti fiori con il gambo lungo e legateli al ramo per formare una specie di scopa. Poi spazzate il pavimento di ogni stanza visualizzando i fiori che assorbono la negatività. Infine lasciate la scopa a un incrocio.

limoni portafortunaCON IL LIMONE
Quando la luna è piena, pelate 9 limoni solo con le mani. Mettete le bucce in un secchio e aggiungete acqua. Spremete le scorze, visualizzate il potere dei limoni di purificare, e infine strofinate pavimenti, maniglie, finestre con l’acqua. Versatene un po’ in ogni scarico.

sale contro il malocchioCON IL SALE GROSSO
È un metodo antico come il mondo ma sempre validissimo: prendete una ciotola riempita di sale grosso, tracciatevi sopra un pentacolo, poi mettete una piccola manciata di sale ai quattro angoli di ogni stanza. La successiva luna nuova spazzate e ripetete.

Astrologia, benessere e cure olistiche

Astrologia, benessere e cure olistiche

Ognuno di noi è differente, e per un pieno benessere psico-fisico è necessario conoscere i disturbi tipici e i rimedi olistici, unici, solo per noi. Ecco una mappa-guarigione completa in base al nostro segno

Il principio della guarigione e della salute olistica è che ciascuno di noi è differente. Si può quindi ovviamente considerare una medicina di base con principi attivi che valgano per tutti, ma quando i disturbi non sono seri è possibile anche “dialogare” con essi andando a scoprirne la causa e trovando il rimedio più adatto. L’astrologia è un mezzo stupendo per personalizzare la cura (che comprende sia l’individuazione delle cause sia il rimedio dolce), certo come sempre è necessario fare il tema natale singolo di ciascuno, ma si possono individuare alcuni disturbi tipici di ogni segn e il loro significato psicosomatico. E capire perché vengano proprio a quel segno, che cosa vuole dire con una disarmonia. È possibile poi individuare erbe, attività olistiche e anche uno sport. Per avere una mappa-guarigione completa in base al segno.

Ariete

Disturbi tipici
Al tuo segno zodiacale corrisponde la testa, soprattutto la parte alta: il naso, la fronte, le tempie. Quando i pianeti sono disarmonici, soffri di emicranie, cefalee, sinusiti e a volte di dolori al nervo trigemino. Per prevenirli, in generale, cerca di coprirti sempre al testa (per te è d’obbligo un cappello d’inverno), asciugati i capelli con cura, e non sostare troppo a lungo in ambienti fumosi che favoriscono il mal di testa. Anche sul lavoro, fai frequenti pause aprendo, se puoi, la finestra e respirando profondamente. In generale il nemico della tua salute è però la fretta: cerca di darti ritmi regolari, non andare sempre di corsa, riposati e non tirare troppo la corda. Da un punto di vista olistico, al sinusite esprime rabbia: ti senti infuriata perché qualcuno non ti vuole dare ragione. E la rabbia è il problema principale di ogni ariete, provocata da marte, il pianeta guida di questo segno. I problemi al naso invece indicano una mancanza di accettazione del punto di vista dell’altro (ti “tappi il naso” per non entrare in contatto profondo con chi ti sta di fronte): anche questa una tendenza su cui devi lavorare.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: Plutone, oltre agli effetti positivi, potrebbe portarti un po’ di ansia e di agitazione. Prendi l’abitudine di bere una tisana di melissa, arancio dolce e passiflora tutte le sere, ti aiuterà a calmarti e a dormire serena.
La pratica olistica: Per te l’ideale è un particolare tipo di yoga, cioè lo yoga dinamico. Sei refrattaria alla staticità, ma i movimenti dolci di questa pratica ti aiuteranno a capire che anche nel movimento si può stare fermi e meditare.
Il tipo di sport: Non scegliere una palestra, seguire gli orari e costringerti a macchinari complicati non è per te. Meglio una corsa all’aria aperta, ma cerca di essere costante

Toro

Disturbi tipici
Il tuo punto sensibile è la zona del collo e della gola. Spesso hai bel collo, e la particolare sensibilità dell’area della gola ti dona una bellissima voce e la predisposizione al canto. Ma ti rende anche una buongustaia: il cibo per te è una componente essenziale della vita, e uno dei più grandi piaceri è mangiare bene. Sul piano psicosomatico, avere mal di gola significa che c’è qualcosa che vuoi dire e che non dici, reprimendoti. In effetti spesso scegli di tacere per quieto vivere e perché non ti va di sollevare problemi con le persone che ami. Ma a lungo andare può diventare dannoso: impara a esprimere quello che pensi e a sostenere le discussioni. Il male al collo invece indica una mancanza di flessibilità: metaforicamente, è come se ti impedissi di girare la testa per guardare una situazione da tutti i punti di vista. È un’altra tendenza tipica del toro: ti affezioni a idee e giudizi, e difficilmente cambi idea, anche quando la realtà è cambiata. Impara a essere più possibilista.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: Una tisana di rosmarino al mattino ha un effetto quasi miracoloso: sarai pimpante e piena di energia fino a sera. Quando i pensieri negativi ti tormentano invece prendi una tazza di infuso di iperico, subito tornerà la luce e vedrai tutto in modo più ottimista.

La pratica olistica: Hai bisogno di rilassarti, di ritrovare la fiducia in te stessa e il contatto profondo con il tuo corpo per radicarti e non perdere la bussola. Niente di meglio che un ciclo di massaggi. Prova il massaggio tailandese, con oli profumati e movimenti dolci e lenti: è una forma di coccoloterapia che ti rimetterà in pace col mondo e non ci sarà difficoltà che non ti sentirai di poter risolvere.

Il tipo di sport:
Non hai bisogno quest’anno di uno sport troppo energico. Meglio una ginnastica dolce, come il Pilates.

Gemelli

Disturbi tipici
Il tuo segno corrisponde ai bronchi, ai polmoni, e alle braccia. Quando sei un po’ stressata è facile che ti venga una lieve bronchite e che tu prenda facilmente una malattia da raffreddamento. Sul piano psicosomatico, i bronchi corrispondo alla famiglia: avere disturbi a questo organo evidenzia conflitti non risolti con un membro della famiglia e una sorta di allergia alle regole, un atteggiamento normale per un segno adolescenziale come il gemelli. Per guarire è importante che tu definisci bene il tuo territorio nell’ambito familiare e ti riprendi i tuoi spazi. Avere dolore alle braccia significa invece che stai facendoti sopraffare dai dubbi (altro atteggiamento tipico per un segno mentale come il tuo): le braccia sono in collegamento con il fare, per stare meglio devi smettere di pensare e ripensare e passare all’azione con un pizzico di fiducia.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: La radice di ginseng è quello che ci vuole per darti una vitalità costante senza accusare alti e bassi che sono tipici per te. Prendila come integratore tutte le mattine da gennaio a maggio, e poi da ottobre a dicembre.

La pratica olistica: Indicata per te è la meditazione: ne esistono diverse forme, che puoi imparare in palestre specializzate in yoga e pratiche orientali. Ma puoi anche praticare tutte le mattine una forma di meditazione semplice ma efficace: fai 20 profondi respiri, con la pancia, e poi continua per 5 minuti concentrandoti solo sul respiro. Per te imparare a respirare bene è il passo indispensabile per il benessere.

Il tipo di sport: Hai bisogno di sperimentare la sensazione che tutto scorra liscio. Potresti allora pattinare con i rollerblade, uno sport divertente e giocoso che sicuramente ti piacerà e ti terrà in allenamento distraendoti.

Cancro

Disturbi tipici
Le zone sensibili del tuo segno sono lo stomaco e il seno. Quest’ultimo richiama subito il significato di maternità, e il senso materno è senz’altro la tua caratteristica più evidente. Disturbi a quest’organo, come infiammazioni, mastiti, dolori, rivelano però un eccesso di istinto protettivo: temi che se non ti dedichi agli altri in modo costante potrebbero abbandonarti, ma devi in questo caso essere più sicura di te stessa e dell’amore che puoi suscitare. Lo stomaco invece porta l’attenzione sulla digeribilità di eventi e situazioni: spesso tendi a rifiutare le novità e le persone che non la pensano come te ti stanno letteralmente “sullo stomaco”. Devi sforzarti di non restare cos’ attaccata alle tue abitudini e di aprirti alle novità.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: Una tisana che aiuta la digestione dovrebbe diventare la tua abitudine quotidiana in qualsiasi periodo dell’anno: bevi un infuso di tiglio molto caldo subito dopo i pasti. Il calore già da solo aiuta a digerire bene e toglie i gonfiori, e il tiglio rafforza questo effetto.

La pratica olistica: L’acqua è il tuo elemento, e una bellissima pratica dolce che puoi fare in acqua è il Watsu: si tratta di un massaggio tipo lo shatzu svolto in piscine di acqua calda. Il terapeuta massaggia zone particolari del corpo e ti culla dolcemente nell’acqua. Una vera delizia che ti fa assaporare il piacere e il conforto di un abbraccio che guarisce.

Il tipo di sport: Ti piace da sempre la danza classica, e la buona notizia è che molti centri organizzano adesso corsi base anche per gli adulti.

Leone

Disturbi tipici
Il tuo segno governa il cuore e le arterie. Sei una persona di grande cuore, questo è certo, ma a volte piccoli disturbi come tachicardia, palpitazioni, affanno rivelano che hai perso la centratura, che non “pensi con il cuore”, e che dimentichi le tue necessità, eccedendo nel darti da fare per gli altri. Questo rivela che non ti ami abbastanza, e che vai in cerca dell’amore e dell’approvazione altrui tramite ciò che fai e non ciò che sei. Il messaggio psicosomatico che questi disturbi ti danno è sempre lo stesso: ama te stessa e accettati di più. Le arterie invece portano la vitalità in tutto il copro e simbolicamente comunicano la gioia di vivere. Se hai problemi alle arterie significa che non stai concedendo alla gioia di circolare liberamente nella tua vita. Lasciati andare un po’ di più, senza restare imprigionata nei ruoli che ti sei imposta o che gli altri ti impongono.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: Il biancospino, che cura le palpitazioni, la tachicardia ed equilibra le emozioni infondendo calma e serenità è l’erba che più ti si addice. Prendine una tazza di infuso tutte le sere prima di addormentarti, lascia che diventi un amico prezioso e sempre presente nella tua vita.

La pratica olistica: Molto adatta a te è la Biodanza. Si tratta di una danza particolare, che lascia esprimere le emozioni profonde e scioglie dolcemente i blocchi emozionali. Mimando nella danza un abbraccio, per esempio, il chakra del cuore si apre e ci si apre agli altri con fiducia e amore. Hai bisogno di lavorare sulle emozioni e sul cuore per ritrovare una centratura costante.

Il tipo di sport: Per allenare il cuore, tuo punto sensibile, e anche per sfogare le energie in eccesso o per caricarti di vitalità, l’ideale è lo step, praticato in palestra, a ritmo di musica

Vergine

Disturbi tipici
Il tuo punto sensibile è la prima parte dell’intestino, e spesso soffri di problemi legati a questo tratto come stitichezza, crampi, gonfiori. Questi disturbi rivelano che hai difficoltà ad assorbire quello che vi è di positivo negli eventi e nelle persone. Ti aggrappi eccessivamente ai dettagli, invece che vedere la situazione globalmente, e se una parte di ciò che accade non ti va bene tendi a rifiutare il tutto. Problemi di stitichezza invece rivelano che non riesci ad abbandonare vecchie idee e convinzioni o che hai difficoltà a donare te stessa nei sentimenti. .

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: L’aspetto negativo di Giove potrebbe sovraccaricare il tuo fegato, prendi allora del tarassaco in compresse: ti aiuta a disintossicare le vie epatiche e depura tutto l’organismo.

La pratica olistica: Sempre per imparare a vivere bene e liberamente le tue emozioni, potresti fare qualche seduta di Aura Soma. È una disciplina molto piacevole, che attraverso boccette riempite con uno speciale liquido colorato e con oli essenziali ti aiuta a individuare le emozioni che in quel momento prevalgono in te, a comprenderle meglio e a esprimerle senza blocchi o censure, o paure.

Il tipo di sport: La ginnastica in palestra, con macchinari specifici e anche a corpo libero, è uno sport molto adatto a te perché soddisfa il tuo bisogno di ordine, di regole, di esercizi precisi con un tempo determinato, che puoi studiare a tavolino preventivamente organizzando un programma completo.

Bilancia

Disturbi tipici
I reni e la regione lombare sono dominati dal tuo segno e sono in relazione alla purificazione del sangue, come anche le ghiandole surrenali che regolano l’equilibrio fisiologico del nostro organismo. Questi sono anche i tuoi punti più sensibili e a livello psicosomatico sono legati al nostro modo di rapportarci all’ambiente e di adattarci ai suoi stress anche e soprattutto quelli psicologici. Per questo le richieste eccessive che provengono dall’ambiente esterno e che si traducono in ansia e stress possono riflettersi sul sistema che regola l’equilibrio e la purificazione del nostro organismo provocando intossicazioni e anche somatizzazione a livello della pelle con pruriti, eczemi, orticaria. Inoltre il disequilibrio psicologico può influenzare direttamente le ghiandole surrenali che possono produrre un eccesso di ormoni che se da una parte può tradursi in un vantaggio per sopportare lo stress, dall’altra potrebbe metterti in una condizione di ansia costante, nei periodi maggiormente sensibili a livello astrologico.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: In primavera con il risveglio della natura una tisana di ortica da assumere al mattino ti aiuterà a ripristinare al meglio il tuo sistema di depurazione, aiutando la parte filtrante del fegato e naturalmente i reni.

La pratica olistica: Dovrai utilizzare una pratica passiva, cioè che non implichi la tua partecipazione attiva, in questo senso il massaggio shatzu dovrebbe darti ciò di cui hai bisogno, ma anche il Reiki fa sicuramente al caso tuo, in particolare il trattamento completo che aiuterà la tua mente e il tuo corpo a restare in perfetta armonia.

Il tipo di sport: Anche per te la palestra non va assolutamente bene, troppi stimoli fisici. Il Tai chi è invece un ottima arte marziale che implica dei movimenti dolci ed equilibrati del corpo che ti aiuteranno a rilassarti durante tutto l’anno.

Scorpione

Disturbi tipici
I tuoi punti sensibili sono il tratto urogenitale (vescica e uretra) e gli organi riproduttivi in particolare quelli esterni, oltre all’area pelvica e all’ultimo tratto del colon e del retto. A livello psicosomatico la correlazione immediata è quella con l’espulsione: hai bisogno di dire sempre ciò che pensi e l’ipocrisia ti pesa moltissimo anche se a volte nella vita tutti ne siamo costretti. Non è la menzogna a turbarti quanto il non poter esprimere te stessa nel modo in cui desideri, o il dover dissimulare quando non l’hai deciso tu intenzionalmente. Una situazione che ti pone delle costrizione sul piano dell’espressione si rifletterà immediatamente sul tuo organismo portando delle disfunzioni come emorroidi, coliti o a carico dell’apparato urogenitale come le cistiti.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: L’artemisia potrà aiutarti soprattutto per quanto riguarda le irregolarità del ciclo mestruale e il passaggio alla menopausa che per il tuo segno quest’anno potrà essere piuttosto critico.

La pratica olistica: E’ assolutamente fondamentale che trovi un po’ di tempo per te stessa, una bella gita ai bagni termali prima della fine dell’inverno ti aiuterà a riprenderti e a espellere le tossine accumulate.

Il tipo di sport: Niente aria aperta per evitare colpi di freddo, ma tanto movimento per rafforzare le ossa: gli sport a corpo libero sono i più indicati ed in particolare l’aerobica o, se vuoi osare, la danza moderna.

Sagittario

Disturbi tipici
Il tuo segno governa le anche, il bacino e le cosce e di conseguenza anche la muscolatura, compresa quella presente nei vasi sanguigni che elabora il metabolismo legato a zuccheri e lipidi. In generale al tuo segno corrisponde il movimento, inteso anche come la possibilità di muoversi liberamente e di non essere costretto da vincoli troppo stretti nella tua sfera relazionale. I disturbi a cui potresti andare incontro sono spesso patologie ereditarie e congenite, appunto disturbi “vincolanti” . oppure dolori alle gambe, contratture, che sono direttamente connessi con il modo in cui affronti il futuro. Di solito sei ottimista e ti proietti in avanti, ma questi dolori evidenziano che attraversi un periodo di paura per quello che ti riserva il destino.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: La borragine depurerà il tuo organismo e ti gioverà grazie alle sue proprietà antireumatiche che proteggeranno le articolazioni: bene la tisana o la tintura madre.

La pratica olistica: E’ consigliato per te un massaggio che stimoli e muova le articolazioni: non è propriamente olistico, ma il massaggio sportivo è il più indicato per migliorare e prevenire eventuali acciacchi.

Il tipo di sport: Evita il body building poco adatto alla tua muscolatura. Il nuoto potrebbe essere ideale, ma attenzione ai reumatismi, se te la senti un’arte marziale come il Kung Fu potrebbe fare davvero per te.

Capricorno

Disturbi tipici
Le tue parti più sensibili sono le ginocchia e gli annessi cutanei, come i capelli, i peli, le unghie, ma anche e soprattutto i denti e infine tutta la struttura scheletrica. Le problematiche allo scheletro e alle ginocchia richiamano la funzione di struttura portante che queste svolgono, in sostanza lo scheletro è come un’impalcatura, legata all’orgoglio che spesso è il difetto tipico del tuo segno, e al senso di responsabilità in cui spesso eccedi. Quando non ti dai tregua per raggiungere un obiettivo, quando dimentichi anche di respirare, quasi, tutta presa dai tuoi impegni, il mondo diventa molto pesante e pesa tutto sulla tua colonna vertebrale. Hai anche una forte moralità, ma anche qui non eccedere: sforzarti sempre di “stare diritta” sottopone la tua schiena a uno sforzo eccessivo, ogni tanto concediti di essere contraddittoria e… più umana. I dolori alle ginocchia esprimono invece la tua difficoltà a piegarti alle opinioni degli altri e possono sparire con un pizzico di umiltà in più.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: Usa la passiflora, il frutto della passione, per rilassarti e per concederti delle nuove aperture alla vita. La tua tenacia non ne risentirà, ma sarà meglio indirizzata e riuscirai a concederti momenti di tregua.

La pratica olistica:  Non c’è dubbio, quest’anno quello che fa per te sono le pratiche vibrazionali. La pranoterapia in particolare, ma anche tutto ciò che è legato all’energia sottile come le discipline bioenergetiche che scioglieranno gli eventuali blocchi.

Il tipo di sport:  Corri, muovi le gambe! Fai la ciclette, che rende elastica l’articolazione delle ginocchia, jogging, che allena il fisico distraendo la tua mente dagli obiettivi che ti imponi di raggiungere, e soprattutto il trekking all’aria aperta che soddisfa il tuo bisogno di scalare le vette in modo naturale e sano.

Aquario

Disturbi tipici
Le caviglie sono la parte del tuo corpo più sensibile, ma anche il sistema nervoso, in particolare quello autonomo, dove corrono continuamente gli impulsi elettrici governati da urano, il tuo pianeta Presta particolare cura per evitare distorsioni: la caviglia ci aiuta ad ammortizzare le asperità, rappresenta la capacità di proteggerci dalle difficoltà e dai problemi che la vita ci pone affrontandoli in modo elastico. Talvolta questa capacità può mancarti e i piccoli traumi mentre cammini ti avvertono che stai dando tutto per scontato: rivedi i tuoi obiettivi e mettiti in discussione, cambia direzione e concentrati su ogni singolo passo necessario per raggiungere le tue mete senza volare troppo con la fantasia.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: Il tuo sistema nervoso sarà salvaguardato dalla valeriana che oltre a rilassarti ti garantirà un buon sonno. Qualche goccia di tintura madre prima di andare a dormire sarà un vero toccasana.

La pratica olistica: Puoi sperimentare pratiche nuovo e soprattutto esotiche, per esempio le capanne sudatorie dei nativi americani o più semplicemente il bagno turco associato possibilmente all’aromaterapia.

Il tipo di sport:  Non devi sforzare le caviglie. Un po’ di body building potrebbe esserti utile soprattutto per allenare la parte alta del corpo e rassodarti, ma anche la ginnastica in acqua, che non sottopone le caviglie a urti, è uno sport ideale per te.

Pesci

Disturbi tipici
Sono i piedi la parte del corpo a cui il tuo segno è associato, ma anche i mediatori chimici del sistema nervoso e la parte legata alla consapevolezza cioè la corteccia cerebrale, nonché l’ipotalamo, il punto di congiunzione tra corpo e psiche. Si può dire quindi che tutte le tue patologie hanno, più di tutti gli altri segni, un’origine psicosomatica. Il tuo punto debole non è propriamente un organo, ma è la psiche stessa e in particolar modo tutte le sindromi psicoaffettive che possono colpirti e che si riflettono sul corpo. La psiche come i piedi infatti è l’elemento che regge tutto l’organismo. Per te è indispensabile sentirti amata e poter amare liberamente, concentra pure la maggior parte delle tue energie sulla vita sentimentale e tutto il resto andrà bene di conseguenza.

Accrescere il benessere psicofisico

Le erbe: . Con l’iperico riuscirai sempre ad avere il controllo di te stessa, e soprattutto a mantenere il buon umore: prendi delle compresse tre volte al giorno.

La pratica olistica: . E’ il momento di guardare anche un po’ al passato e di superare blocchi emotivi che possono influenzare il presente: con il Rebirthing, una pratica che abbina una respirazione particolare e un’esperienza nell’acqua calda, che fa rivivere i momenti della nascita, potrai riuscirci al meglio.

Il tipo di sport: . Fai attività che si svolgano il più possibile all’aria aperta, per te potrebbe essere molto adatto il tennis, perché hai bisogno di sviluppare un po’ la tua competitività e anche la capacità di scattare al momento giusto. Come si potrebbe dire in questo caso… prendi la palla al balzo.

la gelosia, Segno per Segno, come affrontiamo

Segno per Segno, come affrontiamo la Gelosia

La gelosia è un un sentimento universale che, se esasperato, può rappresentare un ostacolo per l'amore in ogni tipo di relazione. Consigli per tutti i segni su come viverla con equilibrio.

Ariete

Siete gelosi perché amate arrivare per primi a ogni nuovo traguardo e rapporto, non sopportate che altri possano avere accesso a ciò che volete voi. Per vivere la gelosia con equilibrio, pensate al passato: in quali casi lasciarvi andare a gelosia e invidia estreme vi ha portato belle esperienze? Sicuramente non è mai successo, sforzatevi quindi di comportarvi diversamente: anche se siete cresciuti con persone gelose, potete creare una “famiglia” di cari legati soltanto dalla felicità.

Toro

Siete gelosi perché siete possessivi e ogni cosa su cui posate lo sguardo diventa vostra, soprattutto se si tratta di persone che amate. Per vivere la gelosia con equilibrio, esercitatevi ad essere sempre lucidi e concentratevi sui sentimenti positivi che volete coltivare nelle vostre relazioni, scegliendone tre da mettere in pratica tutti i giorni. Ogni volta che per abitudine o istinto vi lasciate andare a una scenata di gelosia, aggiungete un sentimento positivo alla vostra lista.

Gemelli

Siete gelosi? Be’ di solito non troppo. Un po’ non vi interessa esserlo perché non conoscete possessività, un po’ non potete permettervelo, perché voi stessi spesso vi destreggiate fra più amati. Vi capita però di cambiare idea su comportamenti e abitudini, anche in base a ciò che viene risvegliato in voi grazie alle persone che incontrate. Per vivere la gelosia con equilibrio, passate più tempo da soli per capire come volete essere e agire di volta in volta nelle vostre relazioni.

Cancro

Siete gelosi e insicuri, purtroppo vi lasciate andare frequentemente a sentimenti negativi. Avete paura di perdere il controllo della relazione e che si inseriscano altre persone nel rapporto. Per vivere la gelosia con equilibrio, ogni volta che l’emotività vi travolge, fate una riunione interiore in cui accogliete tutti i vostri sentimenti e date loro un significato. Fate i conti con le vostre paure e poi decidete di metterle da parte per un po’, soprattutto quando sono infondate.

Leone

Siete gelosi perché amate dominare la scena e avete bisogno di essere sempre al centro dell’attenzione. In amore siete molto passionali, pretendete tanto dall’altro, volete continue dimostrazioni di essere al centro dei suoi pensieri. Per vivere con equilibrio la gelosia, non abbiate troppe aspettative sul comportamento altrui e immaginatevi come se aveste raggiunto il massimo della gioia in amore e in tutte le relazioni: così avrete più elementi per capire chi volete diventare.

Vergine

Siete gelosi in maniera preventiva. Quando vi decidete ad aprire il cuore, vorreste che funzionasse tutto in modo perfetto e avete paura che possa accadere sempre qualcosa di brutto. Pure sul lavoro non vi date pace, siete molto competitivi e autocritici. Per vivere la gelosia con equilibrio, cercate di aspettarvi il meglio dalle vostre giornate e dai rapporti con gli altri. Questo atteggiamento positivo darà alla felicità la possibilità di raggiungervi sotto molteplici forme.

Bilancia

Siete gelosi in maniera elegante ma ferma: molto dipendenti dall’opinione del partner avete paura a vostra volta che vi deluda. Per questo, appena ne avete la possibilità, cercate di esercitare un certo controllo, in modo più o meno sottile. Per vivere la gelosia con equilibrio, chiedetevi che cosa vi rende speciali e sicuri di voi stessi. Anche se può essere gratificante avere legami, occorre basare la propria felicità su quello che si è e che si sceglie di vivere ogni giorno.

Scorpione

Siete gelosi? Tantissimo. Delle persone amate, perché le avete selezionate con molta cura e avete paura di perderle. Del lavoro, perché temete sempre che vi venga strappato da qualcun altro quello per cui avete lavorato con tanta dedizione. Per vivere la gelosia con equilibrio, nelle relazioni e sul lavoro divertitevi e fate quello di cui siete convinti, senza sfiancarvi e competere con gli altri. Se l’altro fa qualcosa che ferisce il vostro orgoglio, cercate di capire le sue motivazioni.

Sagittario

Siete gelosi in modo moderato. Per voi la gelosia è un segno che tenete molto all’altra persona: la accogliete come fate con tutti i vostri sentimenti, ma per carattere non la trasformerete mai in possessività. Per vivere la gelosia con equilibrio, affrontate ogni sua manifestazione con onestà e saggezza, così come voi siete capaci. Se avete grandi ideali in questo senso, condivideteli e metteteli in pratica, per dare vita a un presente e a un futuro più sereni per voi e per chi vi circonda.Siete gelosi in modo moderato. Per voi la gelosia è un segno che tenete molto all’altra persona: la accogliete come fate con tutti i vostri sentimenti, ma per carattere non la trasformerete mai in possessività. Per vivere la gelosia con equilibrio, affrontate ogni sua manifestazione con onestà e saggezza, così come voi siete capaci. Se avete grandi ideali in questo senso, condivideteli e metteteli in pratica, per dare vita a un presente e a un futuro più sereni per voi e per chi vi circonda.

Capricorno

Siete gelosi perché, anche se avete grandi capacità, vi sentite sempre inadeguati e guardate alle altre persone come se avessero tutte quelle qualità che a voi mancano. Per vivere la gelosia con equilibrio capite che quello che ammirate negli altri, desiderate semplicemente svilupparlo nella vostra vita. Accettate che l’esistenza ci ha già approvato alla nascita, dandoci un posto nel mondo: nella relazione con gli altri abbiamo sempre tutti qualcosa da offrire, la nostra unicità.

Aquario

Siete gelosi? Sì, capita anche a voi ma senza mai ammettere di essere preda di questo sentimento, perché ritenete la libertà personale e quella degli altri sacra. Non conoscete invidia, siete altruisti e nello stesso tempo troppo consapevoli del vostro valore per temere il confronto. Per vivere la gelosia con equilibrio, vi basterà consentirvi di sperimentarla, rimanendo voi stessi. Sapete bene come essere coinvolti e nello stesso tempo lasciare agli altri autonomia d’azione.

Pesci

Siete gelosi perché vivete il rapporto con l’altro in maniera totalmente fusionale. Avete bisogno di costruire un mondo sicuro in cui le persone amate vi confermino continuamente il loro affetto. Se questo non accade così come ve lo aspettate, vi spaventate e preferite allontanarvi per non soffrire. Per vivere la gelosia con equilibrio, sforzatevi di superare la paura di essere abbandonati. Se l’altro se ne va, è perché il rapporto non è più funzionale alla crescita di entrambi.

I colori associati alla gelosia

Lo scrittore William Shakespeare nella sua opera “Otello” definisce la gelosia “il mostro dagli occhi verdi”. Perché proprio verdi? Verde è una delle tonalità della bile, che è collegata all’espressione della rabbia, ma verdi sono pure i processi di putrefazione: in entrambi i casi si tratta di condizioni estreme che ben rispecchiano le sofferenze del geloso. Un altro colore associato alla gelosia è il giallo, al punto che in Inghilterra si usa l’espressione “indossare i calzini gialli”, per indicare l’essere geloso di una persona. Ci sono diverse ipotesi per questa scelta, ma pure in questo caso il collegamento più probabile è quello con la collera, rappresentata dal giallo, uno dei colori della bile.

I Chakra, Fulcri del Benessere

I Chakra, Fulcri del Benessere

In qualsiasi filosofia o scienza del benessere, i chakra sono importanti: dal loro buon funzionamento dipende l’armonia e il buono stato fisico, mentale e spirituale del nostro essere. Vediamo con un test esclusivo quale o quali chakra funzionano male, come riattivarli e a che cosa serve ciascun chakra.

Sono vortici di energia che mettono in collegamento i nostri diversi corpi, da quello fisico a quelli più sottili. I chakra vinbrano contemporaneamente in tutti questi corpi e non c’è funzione dell’organismo, ma anche emozione, pensiero che non dipenda da loro. Ovviamente, se un cahkra o più non funzionano bene, avremo disarmonie che si riflettono su tutti i corpi, fino ad arrivare a disturbi. Non c’è quasi nessuno che abbia sempre i cahkra perfettamente allineati e funzionanti, di volta in volta posono indebolirsi, o funzionare troppo, uno o più dei 7 chakra principali. Quello che vogliamo fare è capire quale chakra non è in armonia, andare a vedere che cosa comporta, e suggerire metodi per riattivarlo. Man mano che ci occuperemo dei nostri chakra avremo benefici sempre maggiori fino a raggiungere quel benessere che è una pienezza olistica, un’armonia fra corpo mente ed emozioni che aumenta la qualità della vita e fa dire proprio “sto bene, mi sento bene, in pace e armonia con me stesso e il mondo”.

TEST: SCOPRI I TUOI CHAKRA

1) Quale colori preferisci?

a) rosso
b) arancione
c) giallo
d) verde o rosa
e) blu o azzurro
f) indaco, lilla
g) viola

2) Quale fra questi animali ti piace di più o ti ispira più simpatia?

a) alligatore
b) toro o mucca
c) antilope o gazzella
d) elefante
e) montone
f) delfino
g) colomba

3) Hai mai sofferto, o soffri abbastanza spesso, di uno di questi disturbi?

a) dolori alle ossa, artrite
b) ulcera, allergie, diabete
c) mal di testa o male agli occhi
d) stanchezza cronica
e) lombalgia
f) faringite, torcicollo, problemi alla tiroide
g) ipertensione, respiro affannoso

4) Quale di questi cibi preferisci?

a) carne di tutti i generi
b) frutta
c) pane, pasta
d) bevande zuccherate o alcolici dolci
e) verdure, crude o cotte
f) pesce
g) non hai nessuna preferenza particolare, e ti piace fare un giorno di digiuno regolarmente

5) Ti senti soprattutto:

a) altruista
b) dotata di autostima e fiduciosa in te stessa
c) sensuale e dolce
d) capace di perdono e di compassione
e) intelligente e intuitiva
f ) creativa e desiderosa di esprimerti
g) sicura di te e capace di prendere le difese di qualcuno

6) Quale pietra sceglieresti per il tuo anello?

a) occhio di tigre
b) quarzo citrino
c) ametista
d) acquamarina
e) turchese o lapislazzuli
f) quarzo rosa
g) topazio dorato

7) Quale fra queste cose ti fa più paura o più soffrire?

a) volubilità e incapacità di calma interiore
b) ipersensibilità alle critiche, scarsa stima di te stessa, bisogno di comandare
c) confusione, depressione
d) blocco creativo, incapacità di esprimere le emozioni, perfezionismo
e) malinconia, paura del tradimento o dell’abbandono, dipendenza da qualcuno o da qualcosa
f) senso di isolamento, instabilità emotiva
g) incubi notturni e fobie

8) Quale di questi profumi ti piace di più?

a) patchouli
b) vetiver, bergamotto
c) gelsomino, sandalo
d) rosa
e) mirra
f) viola
g) lavanda

9) Quale senso hai più sviluppato?

a) olfatto
b) gusto
c) vista
d) tatto
e) udito
f) il “sesto senso”
g) nessuno in particolare, sono tutti egualmente sviluppati e in equilibrio

10) Pensa a qualcosa che vorresti raggiungere prima o poi nella tua vita:

a) spiritualità
b) intuizione e saggezza
c) capacità di comunicare
d) amore incondizionato, relazioni felici
e) autodeterminazione, potere personale
f) equilibrio emotivo e una sessualità più soddisfacente
g) la gioia della vita

COME CALCOLARE IL PUNTEGGIO

Controlla nella tabella qui sopra a che numero corrisponde la risposta che hai scelto (per esempio, se alla domanda 4 hai risposto “b”, il numero corrispondente è il 5). Segna su un foglietto tutti i numeri corrispondenti alle tue risposte: otterrai 10 numeri. Adesso il procedimento è semplicissimo: i numeri non vanno sommati, ma devi vedere quale numero prevale. Se su 10 numeri il 5 compare due o tre volte, o più, allora il tuo numero è il 5. E il chakra che corrisponde è proprio il quinto: vai a leggere il profilo riguardante il quinto chakra, è il tuo. Può capitare che non ci sia una netta prevalenza di un numero in particolare, o che due o tre numeri siano a pari merito: vuol dire che in te “funziona” bene più di un chakra. Leggi allora i profili di tutti i chakra che hai ottenuto.

GRIGLIA PUNTEGGI

 abcdefg
1)1234567
2)2541367
3)1367254
4)1532467
5)7324651
6)1276543
7)1375426
8)1324567
9)1234567
10)7654321

 

I PROFILI

Adesso che hai scoperto qual è il tuo chakra, leggi il profilo che spiega che cos’è, come funziona, quale energia attiva e in che modo, praticamente, può migliorare la qualità della tua vita. Scopri anche come ti senti quando funziona male: potresti accorgerti che molti disturbi comuni possono dipendere da questo.

Primo Chakra

Che cos’è? Il nome sanscrito, muladhara, significa radice. È raffigurato come un serpente acciambellato pronto a risvegliarsi. Si trova alla base della colonna vertebrale e si può immaginare che da qui escano delle radici che radicano alla terra. Gestisce l’energia della sopravvivenza e della sicurezza. primo-chakra-muladharaCi collega con la terra e con la sua forza. Se funziona bene, ci dà la sensazione di avere i piedi ben saldi sulla terra, di camminare diritti e sicuri nella direzione giusta, di lasciare un’impronta profonda. Ci dà un’energia di stabilità, equilibrio, fermezza, determinazione, volontà. Il suo colore è il rosso, il colore del sangue, della vita..
Le frasi per svilupparlo. Il mio corpo sta acquistando importanza per me. Mi sto prendendo le responsabilità della mia vita. Posso far fronte a qualsiasi situazione. La mia madre interiore mi protegge, mi nutre, mi calma sempre. Merito il meglio di quanto la vita può offrire. Sono collegata a madre terra con solide radici. So cosa significa avere la sicurezza di sentirsi ben piantati nella realtà e nel presente..
Quando funziona male. Diventi temeraria, egocentrica, un po’ spaccona, oppure emotivamente bisognosa e fragile, con una scarsa autostima, paurosa e a volte autodistruttiva. Riportandolo in equilibrio ritrovi il dominio di te stessa, energia fisica e concretezza

Secondo Chakra

Che cos’è? Svadhisthana, che significa dolcezza, si trova tre dita sotto l’ombelico. È collegato a tutto ciò che ci dà piacere nella vita, primo fra tutti il piacere sessuale, fino alle cose belle che rendono la vita degna di essere secondo chakra Svadhisthanavissuta, ed è simboleggiato dall’acqua, che trasmette il messaggio di fluidità, di una sensazione piacevole che si diffonde, e di un’emozione che fluisce liberamente. Se funziona bene ci rende ricettivi, capaci di esprimere le emozioni, creativi, capaci di creare un legame fra noi e gli altri.
Le frasi per svilupparlo. Sono degna di amore e di piacere. Vivo in un mondo in cui posso essere felice e soddisfatta. Ho il diritto di esprimere i miei desideri. La vita si sta schiudendo come un fiore. Sono pronta a onorare il mio corpo e a vivere il sesso. Voglio provare piacere in ogni cosa che faccio.
Quando funziona male. Diventi emotivamente instabile, con alti e bassi, troppo fantasiosa, con tendenza a manipolare gli altri, troppo interessata al sesso, oppure ipersensibile, dura con te stessa, ti senti colpevole senza motivo. Riequilibrando questo chakra, ritorni fiduciosa, in grado di esprimere le tue emozioni, in armonia con i tuoi sentimenti, creativa.

Terzo Chakra

Che cos’è? Manipura, “gemma splendente”, si trova sul plesso solare. Simboleggia il fuoco, e la sua funzione è quella della digestione, non solo dei cibi: accettare o rifiutare, sensazioni, emozioni, concetti e persone. terzo chakra ManipuraRappresenta anche il sole, cioè il desiderio e il potere di esercitare la tua volontà. Se funziona bene ti senti forte, pieno di luce e calore che irradi intorno a te, in grado di decidere della tua vita con equilibrio e pieno di potere, che non ha nulla a che fare con il controllo o il dominio: è autodeterminazione. Il suo colore è il giallo caldo.
Le frasi per svilupparlo. Accetto e stimo me stessa per quello che sono. So che sto diventando la persona migliore possibile. Tratto me stesso e gli altri con rispetto. Io mi appartengo. Scelgo cosa pensare e come comportarmi, non mi faccio influenzare. Merito tutto il rispetto, la gioia, la prosperità.
Quando funziona male. Sei spesso arrabbiata, tendi a dominare gli altri, sei maniaca del lavoro, dai giudizi e ti senti superiore, oppure ti preoccupi troppo di ciò che pensano gli altri, hai paura a stare da sola, sei insicura, hai bisogno di continue rassicurazioni. Riequilibrandolo, ritrovi il rispetto di te e degli altri.

Quarto Chakra

Che cos’è?  Anahata, “non colpito”, si trova all’altezza del cuore. È il chakra più importante, perché colega quelli che si trovano in alto e vibrano di un’energia molto sottile con quelli in basso, più materiali. Si trova al quarto chakra Anahatacentro, ed è di fondamentale importanza anche perché governa l’energia dell’amore, il sentimento che ci fa vivere. L’amore che il quarto chakra può sviluppare è però un sentimento fatto di perdono e di compassione, di amore incondizionato. Accetterai pienamente te stessa, e la tua vita prenderà il largo: simbolo di Anahata è infatti l’aria, un’aria pura, fresca, limpida, che gonfia d’amore le vele della nostra vita. Il colore del quarto chakra è il verde, il colore della natura: puoi immaginare il tuo cuore come un fiore che si schiude.
Le frasi per svilupparlo. Mando amore a tutti quelli che conosco. Accetto il dolore come parte essenziale del mio sviluppo. Mi voglio bene per quello che sono e per le mie potenzialità. L’amore mi rende libero.. Amo me stesso e gli altri senza condizioni. 
Quando funziona male. Quando funziona male. Sei troppo possessiva, ami solo alle tue condizioni, ti trattieni emotivamente per punire la persona che ami, hai atteggiamenti troppo drammatici.

Quinto Chakra

Che cos’è? Vishudda, “purificazione”, si trova all’altezza della gola, ed è preposto alla comunicazione e alla parola, il dono più grande che ci distingue dagli animali. Ha il colore del cielo, simbolo di trasparenza e chiarezza. Quando funziona bene sei capace di quinto chakra Vishuddaesprimerti con efficaci, trovi le parole che rispecchiano quello che senti, non ti perdi in discorsi vuoti ma le tue parole colpiscono sempre il cuore. Sei anche capace di ascoltare, e di cogliere anche le sfumature più sottili di un discorso, le parole non dette. Riesci inoltre a esprimere liberamente la tua creatività.
Le frasi per svilupparlo. Ciò che dico è degno di essere ascoltato. Ascolto e riconosco i bisogni e i desideri degli altri. Parlo sempre con il cuore. I miei pensieri e le mie parole sono meditati. La mia voce diviene più forte e affascinante.
Quando funziona male. Sei logorroica, parli ma senza che le tue parole vadano a segno, dogmatica, a volte ipocrita e arrogante. Oppure non riesci a esprimere quello che senti, sei inaffidabile, sostieni qualcosa e fai il contrario. Ritrovando l’equilibrio, ritrovi una buona comunicazione, ti senti appagata, riesci a pensare e a meditare con facilità, sei artisticamente ispirata.

Sesto Chakra

Che cos’è? Ajna, che significa percepire e sapere, è posto in mezzo alla fronte ed è chiamato anche terzo occhio, sa cogliere le cose invisibili, così come i due occhi fisici vedono la realtà materiale. Sviluppa l’intuito e sesto chakra Ajnal’intuizione, ed è simboleggiato dalla luce: una luce nel buio che ti guida, una intuizione improvvisa come un lampo che ti fa capire tutto in un istante, una stella luminosa che guida la tua coscienza e non ti fa mai sbagliare strada. Se funziona bene, sai sempre cosa fare, anche se non sapresti spiegarti il perché.
Le frasi per svilupparlo. Accetto gli altri e me stessa per quello che sono. Riconosco di aver bisogno di silenzio e tranquillità. Tutte le risposte sono dentro di me. Ho fiducia nel mio essere interiore che mi guida e mi protegge. Non ho niente da dimostrare a nessuno. Sono piena di saggezza. La fantasia è la linfa della mia vita. Sbagliare mi permette crescere.
Quando si blocca o funziona male. Sei troppo logica, dogmatica, autoritaria, oppure indisciplinata, contraddittoria, temi il successo, miri troppo in basso. Riequilibrandolo, diventi molto intuitiva, carismatica, non attaccata alle cose materiali, puoi sperimentare fenomeni inconsueti.

Settimo Chakra

Che cos’è? Sahasrara, “moltiplicato per mille”, si trova sulla sommità del cranio, ed è raffigurato come un’aureola di mille petali bianchi. Indica che se sviluppiamo tutte le potenzialità la nostra energia si innalza. Quando il settimo chakra funziona bene, puoi settimo chakra Sahasrararaggiungere una sorta di illuminazione: la sensazione, cioè, di essere pienamente realizzata. Acquisisci una grande saggezza, data dal sentire di essere collegata a tutto l’universo e alle sue leggi. I tuoi pensieri sono chiari, profondi. Il colore è il bianco.
Le frasi per svilupparlo. Mi accetto, con amore e gratitudine. Sono un essere unico. Scelgo di vivere la mia vita con amore e contentezza. Sono chi sono e me ne vanto. Scelgo di trasformare la mia vita e di essere libera. Libero tutti i pensieri limitati e mi elevo a livelli sempre maggiori di consapevolezza.
Quando funziona male. Hai molte manie (del pulito, dell’ordine…), tendi alla depressione, ti setni confusa, frustrata, irrealizzata, o sei sempre esausta, non riesci a prendere decisioni, non hai nessun senso di appartenenza. Riequilibrandolo, acquisisci una personalità magnetica, sei in pace con te stessa, hai il senso del trascendente, puoi fare “miracoli” nella tua vita, ciè cose ritenute impossibili

La Pietra associata al mio segno Zodiacale

La Pietra associata al mio segno Zodiacale

L’arte del benessere attraverso i cristalli è nota, ma ogni pietra ha proprietà curative più in sintonia con ciascun segno.

LE PIETRE CHE PORTANO FORTUNA

Le pietre associate ai segni zodiacali sono il principale portafortuna, ognuno può trovare il suo. Chiaramente non è l’unico modo. Prendiamo l’Antico Egitto. Ritenevano sacro il lapislazzuli a forma di occhio, ma soprattutto lo usavano come amuleto perché ritenevano che proteggesse i Faraoni, migliorasse i problemi di vista e aiutasse ad entrare in contatto con gli Dei. Veniva usato anche per purificare l’anima. Molto raro il lapislazzuli usato per scolpire lo scarabeo, simboleggiava l’immortalità. Sempre in Egitto era un amuleto di protezione l’ametista, per tutti coloro che viaggiavano. La corniola invece simboleggiava la vita ed era associata alla Dea Iside. Anche il corallo porta fortuna.

Ariete: Il Granato

La pietra più affine alle tue caratteristiche è il granato: pietra di marte, il tuo pianeta guida, rafforza il vigore fisico e crea uno scudo di vibrazioni fortemente positive che respingono le energie negative. Ti rende più sensuale e intensifica il tuo coraggio naturale.

Toro: La Giada

La tua pietra è la giada, sacra a Venere, il tuo pianeta. È un amuleto che attira l’amore, dona longevità e ottima salute, e può attirare il denaro nella tua vita. Per te che ami le piante, poi, la giada aiuta ad avere un giardino rigoglioso.

Gemelli: La Flourite

La tua pietra è nuova, da poco scoperta: la fluorite. Rafforza la tua mente donandoti concentrazione, rende più lucidi i tuoi pensieri e riduce i convolgimenti emozionali per consentirti una visione più ampia e chiara. Ti guida fuori dal mare agitato della depressione, che spesso ti prende.

Cancro: La Pietra della Luna

La tua pietra, la pietra di luna, è legata intimamente con la Luna, il tuo pianeta. Attrae l’amore, e risolve i problemi tra innamorati. Garantisce un sonno ristoratore, protegge, e può aiutare la divinazione. Mantiene giovani, ed è utilissima se devi fare una dieta.

Leone: L’occhio della Tigre

L’occhio di tigre è la pietra del Sole, il tuo pianeta. Dona a chi lo indossa fama e ricchezza. Protegge in modo eccellente da ogni forma di pericolo. Ti dona coraggio e fiducia in te stessa, rende più intensa la tua naturale energia.

Vergine: L’Agata

La tua pietra è l’agata muschiata: ti dona energia soprattutto quando ti senti esaurita, può attirare la ricchezza materiale e la salute e la lunga vita. E ti rende amabile e gradevole. Ha il dono anche di farti incontrare veri amici.

Bilancia: La Rodocrosite

Sacro a Venere, il tuo pianeta, è la rodocrosite: è una magnifica pietra rosa, che ha un effetto calmante sul corpo e sulla psiche, dona serenità e pace e ti dà forza quando devi prendere una decisione. Ma soprattutto attira l’amore, in tutte le sue forme.

Scorpione: La Kunzite

Pietra che appartiene a Plutone, il tuo pianeta, la kunzite, di colore lilla, rilassa, dona calma e pace interiore: una cosa preziosa per un segno tormentato come il tuo. Calma la collera e il nervosismo. E attira un amore profondo.

Sagittario: Il Turchese

Il turchese è una pietra prima di tutto protettiva, contro ogni genere di pericolo. E soprattutto durante i viaggi, che tu ami. Favorisce anche l’armonia matrimoniale, accresce la bellezza ed è un amuleto porta fortuna: attira la buona sorte.

Capricorno: l’Onice

Pietra di Saturno, l’onice aiuta a vincere tutte le battaglie e tutte le sfide. Ti dona anche saggezza e ti aiuta ad avere il controllo sulle emozioni troppo forti e sugli istinti, cosa per te indispensabile a un completo benessere.

Aquario: L’Opale

La pietra adatta a te è l’opale: aiuta a sviluppare i poteri psichici, rendendoti sempre più creativa e regalandoti nuove intuizioni e idee originali. Rivela la tua bellezza interiore, rende più liberi i tuoi rapporti d’amore.

Pesci: L’acquamarina

La splendida acquamarina rafforza la tua sensitività psichica, e dona pace, gioia e felicità, specie nei rapporti d’amore: anticamente gli sposi si scambiavano questa pietra come pegno d’amore e fedeltà. Inoltre frena la paura, rafforza il coraggio e rende la mente più pronta.

LE PIETRE CHE ASSORBONO LE NEGATIVITÀ

Prima di usare le pietre che assorbono le energie negative creano uno scudo contro le negatività (come il cosiddetto malocchio) e tutte le energie impure che possono farci del male anche se non c’è una intenzione malevola contro di noi (e che ci fanno stare male minando il nostro benessere psicofisico), è bene fare questa visualizzazione: visualizzare un potente raggio di luce cosmica che crea una sfera protettiva, che si espande per un paio di metri intorno alla nostra aura energetica. E’ bene fare questa meditazione tutti i giorni. Vediamo adesso le pietre che hanno proprietà antinegatività: molti cristalli hanno la proprietà di creare uno scudo protettivo, i talismani fatti con pietre sono utilizzati da tempo immemorabile. Le pietre più adatte sono nere (ad esempio la tormalina nera, l’ossidiana, la lacrima Apache). Altre pietre però sono anche molto efficaci: occhio di tigre, corniola, granato e cristallo di rocca. Indossateli su collane, bracciali o anelli oppure tenete in tasca la pietra grezza o burattata, o sul comodino o anche sotto il cuscino di notte.